Sei in: Home » Articoli

Gratuito patrocinio: elevato il limite di reddito per l'ammissione

Sentenza legge martello giustizia

╚ stato pubblicato lo scorso 23 luglio (G.U. n. 169) il decreto del Ministero della Giustizia 01/04/2014 di aggiornamento del limite di reddito annuo per poter accedere al patrocinio a spese dello Stato.

Come previsto dall'art. 77 del Testo Unico delle spese di Giustizia (d.p.r. n. 115/2002), l'adeguamento dei limiti di reddito per l'ammissione al beneficio del gratuito patrocinio avviene con cadenza biennale sulla base delle variazioni degli indici dei prezzi al consumo stabiliti dall'Istat.

Rilevato che, rispetto allo scorso aggiornamento biennale, dai dati accertati dall'istituto risulta una variazione in aumento pari al 5,6%, il limite di reddito Ŕ stato elevato dai precedenti 10.766,33 euro agli attuali 11.369,24 euro, che rimarranno validi fino al 2016.

Ai fini del computo, il reddito considerato Ŕ sempre quello imponibile, come risulta dall'ultima dichiarazione.

Qualora l'interessato conviva con il coniuge o con altri familiari, il reddito da considerare ai fini dell'ammissione al beneficio, Ŕ quello risultante dalla somma dei redditi dell'intero nucleo familiare (art. 76, comma 2, d.p.r. n. 115/2002). Si computa, invece, solo il reddito dell'istante nelle cause che hanno per oggetto diritti della personalitÓ ed in quelle in cui vi Ŕ conflitto di interessi con gli altri componenti del nucleo familiare.

Rimane invariata la disposizione di cui all'art. 92 T.U. che prevede l'elevazione del limite reddituale di euro 1.032,91 per ognuno dei familiari conviventi, per il patrocinio in ambito penale (v. Guida Gratuito Patrocinio e Fac-simile Istanza). 

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/08/2014 - Marina Crisafi)
Le pi¨ lette:
» Diritto all'indennitÓ di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF