Sei in: Home » Articoli

Cassazione: un caso di omonimia e omocodia (stesso codice fiscale) nel trattamento di dati personali

sentenza cassazione martello giudice

di Licia AlbertazziCorte di Cassazione civile, sezione terza, sentenza n. 10325 del 13 Maggio 2014. Il caso di specie è alquanto singolare poiché contempla un caso di cattivo trattamento di dati personali dovuti non solo ad omonimia, ma anche ad omocodia: identità non solo di nominativo, ma anche di data e di luogo di nascita della ricorrente (dunque identità di codice fiscale) inserita per sbaglio in un database di società finanziaria relativo ai cattivi pagatori. La domanda di risarcimento del danno promossa dall'interessata in primo grado di giudizio viene respinta data la singolarità dell'evento e dell'assenza di alcun riscontro probatorio da parte dell'attrice. La stessa proponeva dunque ricorso in Cassazione.

Rileva la Suprema corte che il trattamento dei dati personali – circostanza verificata nel merito - e nella specie la trasmissione degli stessi ad istituti privati di credito, sia avvenuto da parte della resistente sicuramente utilizzando il criterio di normale diligenza, così come enunciato dall'art. 2050 cod. civ. Nè può affermarsi che la successiva cancellazione dei dati dal database sia avvenuto al di fuori dei tempi normalmente previsti, essendosi la società attivata tempestivamente a seguito della segnalazione della ricorrente (inoltrata in un momento precedente l'instaurazione del giudizio). Conferma la Corte che in questo caso il giudice del merito ha utilizzato come parametro di valutazione, data la singolarità del caso, non quello della normale diligenza ma quello delle “attività periocolose”, richiamato dal codice privacy, richiedendo la prova del fortuito alla società chiamata in giudizio, prova maggiormente onerosa fornita nei gradi di merito. Al contrario, nessun sostegno probatorio nel senso opposto sarebbe stato fornito dalla ricorrente, la quale si è limitata a riaffermare le medesime pretese già promosse in primo e in secondo grado. Il ricorso è rigettato.


Vai al testo della sentenza 10325/2014
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/05/2014 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF