Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Cassazione: la prescrizione presuntiva. Come può l'avvocato dimostrare che il cliente non ha pagato

giudice sentenza martello

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione seconda, sentenza n. 8735 del 15 Aprile 2014. L'eccezione di prescrizione non è rilevabile d'ufficio (lo dispone l'art. 2938 del codice civile) ed è quindi onere della parte interessata sollevarla e provare il perfezionarsi della scadenza temporale prevista dalla legge. 

Nel caso di specie, vertente su un giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo emesso su credito professionale di un avvocato, era stata eccepita la prescrizione presuntiva. 

La Cassazione ricorda che il debitore eccipiente deve solo dimostrare l'avvenuto decorso del termine temporale, mentre il creditore ha l'onere di provare la mancata soddisfazione del credito

Le modalità procedurali specifiche per adempiere a tale onere probatorio sono due: il creditore può avvalersi dell'ammissione, fatta in giudizio dalla controparte, circa la mancata estinzione dell'obbligazione, oppure può deferire il cosiddetto giuramento decisorio (ex art. 2960 codice civile).

La Suprema Corte esordisce ricordando la differenza tra prescrizione presuntiva e prescrizione estintiva. Se la seconda deriva dal mancato esercizio di un diritto per un certo periodo di tempo (al fine di privilegiare la certezza dei rapporti giuridici) la prima ha invece una funzione diversa: partire dal presupposto che un determinato credito sia stato pagato o che sia comunque estinto per qualsiasi causa. 

Tale tipo di prescrizione ammette la prova contraria, prova che, nel caso di specie, grava sul professionista opposto. Va accolta dunque l'opposizione a decreto ingiuntivo avanzata dal cliente se l'avvocato, dopo aver ottenuto il decreto ingiuntivo, non ha saputo provare la mancata soddisfazione del credito professionale.


Vai al testo della sentenza 8735/2014
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/04/2014 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF