Sei in: Home » Articoli

DEF 2014. Ecco i principali contenuti del provvedimento. In allegato il testo in PDF e la rassegna stampa

cdm consiglio dei ministri
Il Documento di Economia e Finanza, predisposto dal Governo al fine di stabilire integralmente le politiche economiche-finanziarie e gli obiettivi da realizzare nel periodo di bilancio, è stato approvato ieri dal Consiglio dei Ministri. 
Il DEF, definito dal Capo del Governo "molto serio e rigoroso", anticipa gli interventi legislativi in programma specificando le relative coperture. 

In particolare, le riforme prevedono, a partire dal mese di maggio, un bonus Irpef nella busta paga di tutti i lavoratori dipendenti con reddito annuo lordo al di sotto dei 25.000 euro; si tratta di quella che è stata definita come una sorta di "quattordicesima degli italiani" pari ad 80 euro mensili e foraggiata dai tagli attuati dalla spending review, dall'aumento del gettito dell'Iva e dall'aumento della tassazione sulla rivalutazione dell'operazione Banca d'Italia. 
Un escamotage di natura tecnica è stato ideato per far rientrare in qualche modo anche gli incapienti tra i beneficiari. 

I benefici fiscali riguardano anche le imprese, per le quali è prevista una riduzione dell'Irap pari al 10%. 
Le imprese potranno anche recuperare i crediti vantati nei confronti della Pubblica Amministrazione grazie allo sblocco dei pagamenti dei debiti contratti dalla p.a. che si accompagna all'obbligo di registrazione delle fatture e della certificazione del credito per attestare e velocizzare i debiti commerciali. 

Semplificazione e speditezza sono le ragioni che hanno altresì indotto il Governo a predisporre l'invio al domicilio dei contribuenti pensionati e lavoratori dipendenti del modello 730 precompilato. 

Tra i tagli confermati per garantire lo sgravio fiscale figurano in prima linea i limiti imposti agli stipendi dei manager pubblici, dei dirigenti della Pubblica Amministrazione e degli appartenenti agli organi costituzionali i quali non potranno percepire emolumenti superiori a quello del Presidente della Repubblica, già autoridotto dallo stesso Capo dello Stato a 238.000 euro annui. 

Mentre si allontanano le ipotesi di ulteriori risparmi sull'Istruzione, auspicando invece nuovi investimenti, nell'ambito della Sanità l'intento è quello di non limitare la spesa ma soltanto gli sprechi che anzi, secondo l'intenzione del premier, "saranno combattuti in tutti i dicasteri". 

L'intento finale del DEF è quello di fornire anche agli altri Stati membri europei un quadro dei provvedimenti nazionali, così come previsti dalla premiership attuale, nel limite di spesa costituito dal 3% del Prodotto Interno Lordo, soglia entro la quale l'Italia è tenuta a mantenere il proprio deficit. L'Unione Europea e il Fondo Monetario Internazionale, tuttavia, discordano con la stima sulla crescita fornita dal governo italiano, prudenzialmente indicata allo 0,8% con l'auspicio di una smentita positiva, prevedendo all'inverso una meno ottimistica stima dello 0,6%.

Ecco la rassegna stampa e a seguire il testo del provvedimento in PDF:

Scatica il DEF in formato PDF:
Def 2014 in formato PDF
(09/04/2014 - N.R.)
Le più lette:
» Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
» Pensioni: allo studio lo sconto di tre anni per l'uscita anticipata delle donne
» Per amici e parenti l'avvocato può anche lavorare gratis
» Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
» Separazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se può trovarsi un lavoro
In evidenza oggi
Vitalizi parlamentari: verso l'addioVitalizi parlamentari: verso l'addio
Come si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema CorteCome si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema Corte
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF