Sei in: Home » Articoli

Processo Mediaset: Cassazione conferma condanna Berlusconi a 4 anni di reclusione

cassazione palazzaccio id9195
Al termine di una lunga camera di consiglio la Corte di Cassazione ha letto il dispositivo della sentenza del processo Mediaset che vede coinvolto come imputato Silvio Berlusconi.

La suprema Corte ha confermato la condanna a 4 anni di reclusione rinviando alla corte d'appello la rideterminazione della durata dell'interdizione dai pubblici uffici. I Giudici della Corte d'Appello, in precedenza, avevano emesso un verdetto di condanna nei confronti del Cavaliere per frode fiscale con 5 anni di interdizione dai pubblici uffici.

Dinanzi alla Suprema Corte la difesa dell'imputato aveva insistito per l'assoluzione con formula piena affermando che sarebbe mancata la prova, nella sentenza d'appello, di un coinvolgimento nel reato da parte di Silvio Berlusconi.

Il procuratore generale della Corte di Cassazione aveva chiesto invece una conferma della sentenza di condanna sia pur con una riduzione da 5 a 3 anni del periodo di interdizione dai pubblici uffici.

L'intero mondo politico è rimasto in attesa con apprensione del verdetto soprattutto per le inevitabili ripercussioni sugli scenari politici del nostro paese.

Un verdetto di condanna non significa però che Berlusconi dovrà scontare la pena in carcere. Si prospetta solo l'ipotesi di doverla scontare ai domiciliari oppure attraverso l'affidamento in prova ai servizi sociali.
Lascia un commento - Altre notizie dal web:

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(01/08/2013 - A.V.)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF