Sei in: Home » Articoli

Cassazione: clausole vessatorie e derogabilità del foro del consumatore

sentenza giudice giustizia avvocato cassazione

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione sesta, sentenza n. 17083 del 10 Luglio 2013. 

Il c.d. foro del consumatore è esclusivo, ma derogabile. Lo afferma la Suprema Corte pronunciandosi in merito a un regolamento di competenza presentato da una società ricorrente, emittente di decreto ingiuntivo nei confronti di un acquirente, decreto provocato dal mancato pagamento del corrispettivo di acquisto di un'autovettura. 

Avverso il decreto ha proposto opposizione il privato compratore presso il Tribunale di Ragusa, il quale, con ordinanza, ha dichiarato la nullità del decreto opposto nonché la propria incompetenza, indicando come giudice competente il Tribunale di Catania, sezione distaccata di Acireale. Tale ordinanza è stata impugnata dalla società con regolamento di competenza ed il procuratore generale presso la Cassazione ha chiesto di dichiarare la competenza a favore del Tribunale di Catania.

La Cassazione evidenzia come, in materia di tutela del consumatore (normativa di cui al d.lgs. 206/2005, codice del consumo) il foro ben può essere derogato dalle parti. “Il c.d. foro del consumatore è esclusivo, ma derogabile, altresì precisandosi che la presunzione di vessatorietà della clausola di relativa deroga è superabile, ad onere del professionista, solamente con la dimostrazione dell'essere la medesima stata oggetto di specifica trattativa”. Di conseguenza, “spetta al professionista che invochi la relativa inapplicabilità dare la prova del fatto positivo dello svolgimento della trattativa e della relativa idoneità (…) ad atteggiarsi ad oggettivo presupposto di esclusione dell'applicazione della normativa in argomento”. Inoltre, dai fatti allegati è emerso che la scelta del foro di cui sopra sarebbe stato sicuramente a vantaggio del consumatore, avendo l'azienda creditrice sede legale all'estero. In mancanza di specifica prova fornita dall'azienda in merito a precisa trattativa sulla clausola in oggetto e non ravvisandosi squilibrio tra le parti, la Suprema Corte rigetta il ricorso per regolamento di competenza.

Vai al testo della sentenza 17083/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/07/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF