Sei in: Home » Articoli

Il reato di guida in stato d'ebbrezza non pu˛ essere decisivo ai fini della concessione della cittadinanza italiana

immigrato clandestino straniero extracomunitario
di Luigi Del Giudice - Ad un cittadino ghanese , in Italia da ventidue anni, veniva negata dal Ministero dell'interno la concessione della cittadinanza italiana in virt¨ di un decreto penale del GIP di Verona, recante la sua condanna per guida in stato d'ebbrezza.
Con la sentenza del 28 maggio 2013, n. 2920 , il Consiglio di Stato ha per˛ precisato che, per quanto possa esser reputato fonte di rilevante allarme sociale la guida di autoveicoli in stato di ebbrezza, non risulta, che la P.A. abbia valutato, al di lÓ del dato fattuale del decreto penale di condanna (peraltro di un reato meramente contravvenzionale, previsto dal codice della strada a prevenzione di eventuali sinistri, senza che in concreto risulti siano stati provocati incidenti, tanto meno con danni) l'effettiva gravitÓ della vicenda, la quale si sostanzia in un caso isolato e risalente rispetto alla data della statuizione della P.A. stessa.
Ne deriva che la valutazione discrezionale sull' integrazione dello straniero nel tessuto sociale della Repubblica deve certo tener conto anche degli illeciti penali da questi commessi nel periodo in cui egli dimora in Italia, ma non pu˛ legittimamente prescindere da un giudizio globale sulla di lui personalitÓ e, soprattutto, dal giudizio sulla gravitÓ in sÚ della vicenda penale, a fronte di ogni altro comportamento del soggetto.
Luigi Del Giudice
www.polizialocaleweb.com
(10/06/2013 - Luigi Del Giudice)
Le pi¨ lette:
» Avvocati e professionisti: Ŕ nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimitÓ, dove non ci sono pi¨ i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: Ŕ nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: Ŕ nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF