Sei in: Home » Articoli

Cassazione: la rilevanza e l'ammissibilità della prova nuova in giudizio d'appello

giudice sentenza martello
di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione terza, sentenza n. 8224 del 4 Aprile 2013.
I recenti interventi legislativi a riforma del codice di procedura civile (legge 220/2012 e 228/2012) hanno modificato la figura del ricorso in appello introducendo ipotesi molto stringenti. In particolare è stato aggiornato l'art. 345 c.p.c. sottraendo al giudice qualsiasi possibilità di valutazione discrezionale di immissione di nuove prove, al di fuori delle ipotesi di legge, nel procedimento d'appello.
E' stato inoltre istituito il c.d. filtro in appello, in base al quale spetta al giudice effettuare un'indagine prognostica volta ad accertare la presenza del fumus boni iuris, cioè di elementi che potenzialmente possano portare ad una decisione giudiziale favorevole al ricorrente.

Nella sentenza di specie la Suprema Corte interviene per esplicare i criteri in base ai quali viene valutato il requisito della indispensabilità della prova, caratteristica indispensabile per introdurre quest'ultima ex novo nel processo d'appello. Principio fondamentale del giudizio di secondo grado è infatti il divieto di introduzione di prove nuove.

Il giudice d'appello deve accertare che la mancata proposizione della prova in primo grado non sia stata dovuta a negligenza delle parti ma causata da un motivo ad esse non imputabile, oppure ancora dal fatto che in quel determinato contesto processuale tale prova sia stata valutata come superflua e non rilevante da parte del giudice di primo grado. Superato tale vaglio preliminare, resta tuttavia fermo il giudizio di rilevanza probatoria effettuato dalla stessa Corte d'Appello.
Vai al testo della sentenza 8224/2013
(16/04/2013 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Avvocati: ne resteranno solo 100mila
» Stalking: reato cancellato con i soldi … anche se la vittima non vuole
» Usucapione: il possesso dei genitori si trasmette ai figli
» Multe non pagate? Niente passaporto
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
In evidenza oggi
Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reatoAvvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per leggeAvvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo