Sei in: Home » Articoli

Cassazione: E' nulla la sanzione tardiva all'impiegato scansafatiche

dorme
Se un impiegato non ha alcuna voglia di lavorare, può essere soggetto a sanzione disciplinare ma è necessario che questa venga adottata tempestivamente. Lo ricorda la corte di Cassazione che ha dato ragione ad un impiegato scansafatiche che ora dovrà essere anche rimborsato delle spese legali sostenute.

La vicenda riguarda un dipendente dell'Agenzia delle Entrate che aveva ricevuto una sanzione disciplinare per il suo rifiuto di qualsiasi attività lavorativa nonostante gli inviti che gli erano stati rivolti.

Interessante notare come impiegato avesse deciso di rimanere a braccia conserte per un intero anno ossia dal mese di ottobre del 1998 al mese di ottobre dell'anno successivo.

L'Agenzia delle Entrate, però, spiega la Corte (sentenza n.24009/2012) era già a conoscenza di questa condotta inadempiente del lavoratore e non aveva mai fatto nulla salvo poi intervenire con una sanzione a distanza di tempo.

I giudici di merito avevano già dichiarato illegittima la sanzione ed ora è arrivata la conferma anche dalla Suprema Corte che, respingendo il ricorso dell'Agenzia ha evidenziato come da parecchi mesi la ricorrente fosse a conoscenza dell'inattivita' del dipendente "la stessa amministrazione ha espressamente ammesso la conoscenza della condotta inadempiente del lavoratore gia' da tempo, difendendosi proprio con la permanenza della stessa".

Insomma, nulla da fare: la contestazione tardiva deve ritenersi nulla e allo scansafatiche vanno rimborsate anche le spese legali.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/01/2013 - N.R.)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF