Sei in: Home » Articoli

Cassazione: si viaggiare...ma meglio in compagnia di una collega che della moglie

coppia amanti tradimento
di Barbara LG Sordi -
Non sappiamo se la canzone di Battisti possa essere la perfetta colonna sonora per coppie "illegali", però rende l'idea, soprattutto nella parte dell'accelerazione. Come fuga dalla routine quotidiana e, perché no, da una moglie ormai troppo "quotidiana".
Sia come sia, viaggiare con una donna che non fosse la propria moglie è costato ad un marito, manager palermitano, l'addebito della separazione. L'uomo ha cercato di coprire la relazione con una collega e soprattutto bluffare su un loro viaggio d'affari, diventato un po' troppo intimo. Un collega ha però dato un "aiutino" ai giudici (ed alla moglie), nel decidere se fosse realmente colpevole della crisi familiare successivamente sorta tra i due.

La Corte territoriale aveva riconosciuto il manager quale responsabile principale della rottura, non lasciandosi raggirare dalle rocambolesche giustificazioni supportate dalla sua difesa. Avvalendosi proprio della testimonianza di un collega (che diciamocela tutta, forse avrebbe voluto essere al suo posto), considerata attendibile "in quanto non legato da rapporti familiari con le parti". Il collega aveva fornito una descrizione dettagliata di ciò che realmente era accaduto durante il viaggio incriminato. Ma piuttosto che dare ragione alla povera ex tradita ha preferito ricorrere in Cassazione, tornando all'attacco con la versione di viaggi assolutamente professionali e che la relazione con la collega (divenuta nel frattempo compagna) fosse assolutamente di tipo lavorativo.

Tanto "assoluta" che la Sezione Prima Civile della Cassazione, con sentenza 18175/2012, ha dato ragione alla ex-moglie, avvalorando la testimonianza del collega come reale e addebitando la separazione all'ex manager. Tenendo in conto anche "il reprensibile contegno idoneo ad evidenziare ai terzi l'esistenza della relazione extra-coniugale, quand'anche non ancora intrattenuta con carattere di stabilità".

Ex moglie moralmente riscattata. Ma solo in parte in realtà, perché gli ermellini, pur riconoscendo le colpe del marito hanno accolto il ricorso dell'uomo laddove chiedeva di non versare il mantenimento per la donna. Per ora dovrà corrispondere solo 500 euro come concorso spese per il mantenimento del figlio, ma non i 150, stabiliti dalla Corte d'Appello di Palermo, per la donna. Poiché la signora è un'imprenditrice, per la Cassazione non regge la motivazione della Corte d'Appello, che intitola la moglie ad un mantenimento per via del carattere "altalenante" della sua attività, a fronte di una maggior sicurezza economica nella professione del marito. Per i giudici "manca una ricostruzione attendibile del reale tenore di vita dei coniugi" e un eventuale mantenimento sarà da prendere in considerazione in caso di problemi economici della donna.

Una decisione che potrebbe dissuadere le donne dal rendersi economicamente autonome. Perché è bene ribadirlo... cornute sì, mazziate no!

Vai al testo della sentenza
Email barbaralgsordi@gmail.it
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/11/2012 - Barbara LG Sordi)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF