Sei in: Home » Articoli

Federconsumatori: maggiore chiarezza su farmaci equivalenti, chiesto incontro a Ministro Salute

pillole farmaci id0
Federconsumatori ha comunicato di aver richiesto un incontro urgente con il Ministro della Salute Renato Balduzzi riguardo alle nuove disposizioni prese in relazione alla prescrizione dei farmaci:”È indispensabile fare al più presto chiarezza sui farmaci equivalenti” ha dichiarato l'associazione, secondo la quale la questione sarebbe ancora circondata da “troppi dubbi e incertezze”.

Secondo un'indagine effettuata dall'associazione, infatti, i cittadini italiani sarebbero ancora fortemente disinformati in merito alla possibilità offerta di utilizzare farmaci equivalenti. Federconsumatori ha reso noto che in Italia soltanto il 16-18% della popolazione fa uso dei suddetti farmaci, contro il 40-50% della media europea.

Per l'associazione non sarebbe sufficiente obbligare il medico ad indicare il principio attivo del farmaco sulla ricetta, ma bisognerebbe realizzare delle campagne informative per i cittadini per l'educazione al consumo e all'utilizzo di farmaci equivalenti. “Il maggior utilizzo di questi farmaci, che noi ci auguriamo da anni, potrebbe permettere al sistema sanitario italiano di risparmiare ogni anno tra i 600 e i 700 milioni di Euro”, ha dichiarato Federconsumatori.

Ci sarebbero secondo l'associazione gli interessi di potenti lobbies a contrastare la buona riuscita dell'operazione, che avrebbero volutamente diffuso imprecisioni e inesattezze volte a ostacolare l'utilizzo dei farmaci equivalenti minando la fiducia dei cittadini negli stessi.

“Per questo, affinché l'operazione del Governo abbia un senso e porti dei risultati efficaci, è urgente contrastare con ogni mezzo questa intollerabile campagna di disinformazione”, hanno dichiarato Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti.
(21/08/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF