Sei in: Home » Articoli

Codacons: 3.000 imprese fallite nel primo trimestre, urgente dilazionare debiti

codacons id9413.png
“Emergenza nazionale”: così il Codacons ha definito in un comunicato stampa la situazione che sta vivendo il nostro paese in merito ai dati che attestano un boom nei fallimenti delle imprese, con 3.000 procedure aperte soltanto nel primo trimestre dell'anno in corso.

L'associazione di Carlo Rienzi e il Comitas (coordinamento che rappresenta e tutela le piccole imprese), hanno parlato di emergenza sfociata in allarme sociale, in virtù dei ben 34 suicidi avvenuti dall'inizio dell'anno e legati ad imprese in crisi.

Per questa ragione hanno chiesto misure da adottare per ridurre l'incalzare di fallimenti e suicidi: in primis una dilazione immediata di 24 mesi a carico di piccole e medie imprese, considerando che da uno studio condotto dal Comitas il 25% delle microimprese, “terrorizzata dall'aggressività con cui l'Agenzia delle Entrate cerca di far pagare i debiti dei piccoli imprenditori” come riportato dal Codacons, ricorre all'evasione fiscale.

Per quanto riguarda invece le aziende schiacciate dalla crisi, le due associazioni hanno invece suggerito di rinviare di 2 anni i debiti fiscali, introdurre maggiori forme di rateizzazione senza interessi, ed eliminare le sanzioni per chi è in ritardo con i pagamenti: non ultima, la possibilità di ottenere assistenza psicologica per i piccoli imprenditori la cui attività fallisce.

Codacons e Comitas hanno infine chiesto un incontro urgente con Attilio Befera, Direttore dell'Agenzia delle Entrate, al fine di proporre misure a sostegno delle imprese in crisi e renderlo partecipe dei risultati dello studio effettuato dal Comitas che attesterebbro lo stato di sofferenza delle microimprese.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/05/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF