Sei in: Home » Articoli

Codacons: ribassi benzina insufficienti, presentata istanza alla Procura di Varese

benzina carburante
Il Presidente del Codacons, Carlo Rienzi, ha dichiarato che i ribassi registrati nel settore dei carburanti in queste ultime ore presso i distributori italiani sarebbero insufficienti, e ha annunciato una nuova iniziativa legale in merito ai prezzi di benzina e gasolio.

Carlo Rienzi ha definito “del tutto irrisori” i ribassi dei prezzi da -0,5 centesimi a -1,5 centesimi di euro registrati nella maggior parte delle pompe, con l'unica eccezione di Eni che ha effettuato tagli per 2,5 centesimi: questo perché secondo i dati forniti da Nomisma i listini dei carburanti presenterebbero un sovrapprezzo di 8 centesimi di euro al litro.

Adnkronos ha comunicato che nello specifico “tra sabato scorso e questa mattina (7 maggio, ndr) hanno messo mano ai listini dei carburanti tutte le compagnie petrolifere, con una diminuzione compresa tra 0,5 centesimi al litro (Esso e Tamoil) e 2,5 centesimi (Eni). Sul prezzo del gasolio intervengono invece solo Eni (-1 centesimo) e Shell (-0,7 centesimi)”.

Il Codacons ha quindi affermato di aver presentato una nuova istanza alla Procura della Repubblica di Varese, la quale già sta effettuando indagini relative ai prezzi dei carburanti: l'associazione ha prima di tutto denunciato il mancato calo dei listini, e ha chiesto anche il sequestro degli impianti che entro 48 ore non si adegueranno eliminando il rincaro ingiustificato denunciato da Nomisma.

Secondo il Codacons nel nostro paese ci sarebbe ampio margine affinché i prezzi dei carburanti alla pompa possano registrare una riduzione ulteriore tra i 5 e i 7 centesimi di euro al litro.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(08/05/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF