Sei in: Home » Articoli

Cassazione: sentenza che accoglie domanda di disconoscimento paternità è opponibile al padre naturale che non ha partecipato al processo

affido figli affidamento
Con sentenza n. 430 depositata il 16 gennaio 2012, la Corte di cassazione ha stabilito che in tema di disconoscimento della paternità, né il padre naturale, né i suoi eredi sono legittimati passivi nel giudizio di disconoscimento della paternità. Pertanto la sentenza che accoglie la domanda di disconoscimento è opponibile nei loro confronti anche se non hanno preso parte al giudizio anche se tale sentenza si riverbera sulla sentenza di riconocimento dell apaternità. Come ha infatti evidenziato la Suprema Corte, la pronuncia di disconoscimento della paternità, è una sentenza costitutiva, in base a quanto disposto dall'art. 235 c.c. e assume autorità di cosa giudicata erga omnes essendo riferita ad uno status personale.
Tale decisione è quindi opponibile verso tali soggetti, anche se non hanno preso parte al giudizio. “La paternità legittima – spiega la Corte - non può essere messa in discussione e neppure difesa da colui che è indicato come padre naturale, il quale, allorché deduca che l'esito positivo dell'azione di disconoscimento di paternità si riverbera sull'azione di riconoscimento della paternità intentata nei suoi confronti si limita in realtà a far valere un pregiudizio di mero fatto, tanto da non poter agire contro la sentenza di disconoscimento neppure con l'opposizione di terzo, atteso che il rimedio contemplato dall'articolo 404 Cpc, presuppone in capo all'opponente un diritto autonomo la cui tutela sia però incompatibile con la situazione giuridica risultante dalla sentenza impugnata”.
Consulta il testo della sentenza n. 430/2012
(09/02/2012 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF