Sei in: Home » Articoli

ResponsabilitÓ medica: Cassazione, l'omissione diagnostica non Ŕ fonte automatica di responsabilitÓ

medici
Tornando ad occuparsi di responsabilitÓ medica la Corte di Cassazione (sentenza n. 28287, depositata il 22 dicembre 2012) ha voluto ricordare che anche in caso di omissione diagnostica la responsabilitÓ del medico non Ŕ automatica e se un paziente che Ŕ stato dismesso muore non Ŕ detto che gli eredi abbiano comunque diritto al risarcimento del danno. Ribaltando un doppio verdetto di condanna che i giudici di primo e di secondo grado avevano fondato solo sulla base di una omissione diagnostica la Cassazione ha fatto notare che non pu˛ esserci alcun tipo di automatismo nel riconoscere la responsabilitÓ medica. Occorre piuttosto verificare se un determinato esame fosse effettivamente necessario e se una tempestiva diagnosi avrebbe potuto salvare il paziente. La vicenda vede come protagonista una donna che, dopo essersi recata al pronto soccorso per un intenso mal di testa e dopo aver fatto di tutto per farsi dimettere, Ŕ morta improvvisamente. I giudici di merito avevano inizialmente riconosciuto al marito e ai figli della donna il risarcimento danni in quanto i medici erano stati ritenuti responsabili per non aver effettuato una diagnosi medianta la tac. Anche i giudici di appello avevano affermato l'esistenza di un nesso causale tra omessa diagnosi e morte perchŔ, a loro dire, la responsabilitÓ sussiste anche quanto, sulla base di un criterio probabilistico, si pu˛ ritenere che se fosse stato prestato un soccorso adeguato da parte del sanitario, si sarebbe potuto impedire l'evento dannoso. Investita della questione, la terza sezione civile del Palazzaccio ha invece cassato con rinvio la sentenza impugnata spiegando che in sede di merito non Ŕ stato eseguito un adeguato percorso logicoľargomentativo. I giudici di merito avrebbero infatti dovuto accertare da un lato se la TAC fosse effettivamente necessaria e se l'omissione dell'esame diagnostico costituisse dunque colpa medica.
Dall'altro lato sarebbe stato necessario verificare se il tempestivo esame diagnostico avrebbe evitato, con elevato grado di probabilitÓ, la morte della paziente. Insomma secondo la Corte perchŔ sussista responsabilitÓ occorre che "il percorso logico del giudice del merito si sia articolato in due momenti: il primo teso ad affermare la doverositÓ dell'esame diagnostico al fine di accertare l'esistenza di una colpa medica, il secondo (subordinamente alla risposta positiva al primo quesito) finalizzato all'accertamento del nesso di causalitÓ, se cioŔ il tempestivo accertamento diagnostico avrebbe potuto - con elevato grado di credibilitÓ razionale - impedire l'evento-morteö.
Consulta testo sentenza n. 28287/2011
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/01/2012 - Luisa Foti)
Le pi¨ lette:
» Cassazione: il giudice non pu˛ mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennitÓ di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF