Sei in: Home » Articoli

Codacons, chiesto il ritiro della licenza di navigazione per Costa Crociere

codacons id9413.png
Dopo la richiesta di class action va ancora più a fondo il Codacons nei confronti della società Costa Crociere, a seguito del disastro che ha causato la morte accertata di 6 persone, e grande spavento e disagi per le altre migliaia di passeggeri coinvolti nell'incidente avvenuto nei pressi dell'Isola del Giglio, e che da due giorni sta catalizzando quasi per intero l'attenzione dei media e della popolazione nostrana. L'associazione chiede il ritiro della licenza di navigazione all'intera società, a motivo non solo del sinistro avvenuto con ogni probabilità a causa di negligenza umana, ma soprattutto per il ritardo nella richiesta di soccorso e per le carenze nelle procedure di emergenza. Il presidente di Codacons, Carlo Rienzi, ha messo in evidenza come dai racconti dei superstiti si siano evinte difficoltà e mancanze nelle normali procedure da mettere in atto in circostanze del genere, e come ci siano stati ritardi incomprensibili nelle richieste di aiuto: tutto questo a prescindere dall'errore umano per il quale sta già indagando la magistratura. L'associazione stessa sta quindi preparando un esposto alla Procura della Repubblica di Grosseto, perché Costa Crociere si sarebbe macchiata anche del reato di strage, considerato come reato di pericolo nel codice penale del nostro paese. Codacons si costituirà parte civile nella vicenda, in rappresentanza delle vittime del disastro, ed ha per questo messo già a disposizione di queste ultime un modulo per aderire alla class action al fine di ottenere un risarcimento dei danni subiti, morali, economici e fisici.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/01/2012 - A.V.)
Le più lette:
» Voto anticipato: il no dei parlamentari per non perdere le pensioni
» I debiti Inps si trasmettono agli eredi?
» La pensione reversibilità al coniuge separato
» Avvocati: i nuovi obblighi per la privacy
» Authority: maxi sanzioni per 1,7 milioni di euro ad Enel e Eni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF