Sei in: Home » Articoli

Commercialisti: basta agli eccessi nella lotta contro l'evasione fiscale. Sono controproducenti.

In audizione alla Commissione Finanze della Camera, il presidente dell'Ordine dei Commercialisti, Dott. Claudio Siciliotti, ha espresso il suo parere sul programma dello stato, che include le misure di lotta all'evasione del fisco. Siciliotti si è detto d'accordo nel recuperare risorse, lottando e stanando l'evasione delle tasse, ma ha ricordato che gli eccessi, anche quando sono motivati dalle migliori intenzioni, si trasformano in misure controproducenti, come nel caso degli strumenti messi in atto dal ministero dell'economia, per combattere l'evasione fiscale. Secondo il presidente dei commercialisti, infatti, il rapporto tra stato e cittadino dovrebbe essere improntato all'equità, che spesso è il presupposto per la valutazione come giusto del pagamento delle tasse.
Ma lo stesso Siciliotti ha aggiunto che è proprio il venire meno di questa equità che ingenera un meccanismo di sottrazione di risorse allo stato, perché gli adempimenti burocratici sono eccessivi e tutto il sistema fiscale sarebbe molto farraginoso e complicato da comprendere. E i numeri, che rimarcano un'evasione di massa, dimostrerebbero proprio quest'aspetto. E' su ciò, conclude l'audizione Siciliotti, che allora lo stato dovrebbe impegnarsi a migliorare, ossia sulle procedure tra l'amministrazione finanziaria e il cittadino, al fine di renderle comprensibili e snelle, per reperire maggiori risorse e diminuire il peso dell'evasione.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/05/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF