Sei in: Home » Articoli

Cassazione: figli legittimati a cacciare genitori di casa anche se gli è stata regalata da loro.

Se i genitori sono troppi litigiosi i figli possono cacciarli dalla casa avuta in regalo proprio dagli stessi genitori. A dirlo è la Cassazione con la sentenza n. 7487/2011 con cui è stato respinto il ricorso di un papà che, dopo aver donato alla figlia i soldi per l'acquisto di un terreno per la costruzione di una casa per adibirla a dimora familiare, era stato cacciato dalla figlia. Stanca dei continui litigi dei suoi genitori, sul punto di lasciarsi, la figlia diffidava con una lettera il padre chiedendogli di traslocare. In seguito alla lettera, il padre, denunciava la figlia per l'ingiuria “grave” subita.
Dopo un primo e secondo grado di giudizio in cui i giudici accoglievano le ragioni della figlia, il padre presentava ricorso per la cassazione della sentenza per dimostrare l'ingratitudine della figlia e il “disvalore sociale” dell'atto di sfratto. Nel bocciare il ricorso dell'uomo, i giudici di legittimità di Piazza Cavour “ha escluso che ricorrano gli estremi della ingratitudine nel comportamento della figlia donataria, la quale, di fronte alla sopravvenuta intollerabilità della convivenza trai i suoi genitori e nella pendenza del giudizio di separazione personale con addebito instaurato dalla madre, inviti il padre, con lettera formale, a lasciare l'immobile di sua proprietà, acquistato con il denaro ricevuto dalla liberalità paterna e materna, destinato a casa famigliare”.
Altre informazioni su questa sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/04/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF