Sei in: Home » Articoli

Casa priva di certificato di abitabilità: è vendita dell'aliud pro alio

Per la Cassazione ciò è vero sia se l'immobile difetta della licenza, sia se è privo dei requisiti minimi per ottenerla
una casa di proprieta

di Valeria Zeppilli – La circostanza che la casa compravenduta sia priva del certificato di abitabilità trasforma l'operazione di vendita della stessa in una vendita dell'aliud pro alio.

Aliud pro alio

Con la sentenza numero 2294/2017 qui sotto allegata, infatti, la Corte di cassazione si è pronunciata sull'argomento, affermando che una simile ipotesi deve essere ricondotta alla vendita dell'aliud pro alio sia nel caso in cui l'immobile difetti della licenza di abitabilità, sia nel caso in cui non sussistano i requisiti minimi per ottenerla; ovverosia, sia nel caso in cui vi sia inerzia del venditore, sia nel caso in cui l'immobile abbia caratteristiche intrinseche che lo rendano inabitabile, derivanti da insanabili violazioni della legge urbanistica.

Immobile incommerciabile

Peraltro, ricorda la Corte, l'assenza di certificato di abitabilità rende l'immobile incommerciabile e, pertanto, le conseguenze che derivano dall'inadempimento dell'obbligo di consegnare tale documento, gravante sul debitore, sono significative.

La violazione dell'obbligo, infatti, legittima:

- la domanda di risoluzione del contratto,

- la domanda di risarcimento del danno,

- l'eccezione di inadempimento.

Non vale invece a sanarla la sola circostanza che al momento della stipula il venditore abbia presentato la domanda di condono con il fine di porre rimedio all'irregolarità amministrativa dell'immobile.


Corte di cassazione testo sentenza numero 2294/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(22/08/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
In arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefonoIn arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefono
Giudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunaliGiudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunali
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF