Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Multe: conviene più pagare che non fare causa rivolgendosi a un avvocato

La liquidazione di un importo risibile a titolo di spese di lite è coerente con il dettato costituzionale?
Persona con espressione dubitativa

di Valeria Zeppilli - La liquidazione esigua e illegittima delle spese processuali potrebbe essere un disincentivo a rivolgersi a un avvocato: talvolta conviene più pagare, anche se si ha ragione.

Il che è assurdo e anche la Corte di cassazione si è recentemente confrontata proprio su una questione del genere, sollecitata dall'impugnazione presentata dal ricorrente avverso la liquidazione delle spese processuali nell'ambito di un giudizio di opposizione a una sanzione amministrativa: il Giudice di Pace le aveva quantificate in soli 100 euro.

In realtà nel caso di specie la questione è stata risolta con la sentenza numero 128/2017, depositata il 5 gennaio e qui sotto allegata, facendo leva sull'applicabilità in concreto del d.m. 127/2004 in luogo del d.m. 140/2012.

Il giudice del merito, infatti, aveva ritenuto congrua la liquidazione basandosi sui recenti parametri mentre nel caso di specie l'attività professionale si era svolta e si era esaurita prima dell'entrata in vigore delle nuove tariffe: le spese, di conseguenza, avrebbero dovuto essere liquidate tenendo conto delle tariffe di cui al d.m. n. 127/2004 e, quindi, in un importo più elevato, oscillante tra 200 e 370 euro.

La sentenza va pertanto in tali termini riformata.

Così facendo, tuttavia, si è nei fatti sorvolato su un problema non indifferente: la liquidazione di un importo così risibile a titolo di spese di lite è coerente con il dettato costituzionale?

Per il ricorrente è infatti più che lecito chiedersi "se un privato cittadino che a fronte di un illegittimo provvedimento della Pubblica Amministrazione e avvalendosi di quei principi e garanzie costituzionali espresse nelle disposizioni di cui agli artt. 24 e 111 Cost., agisce in giudizio per mezzo di un professionista forense per tutelare il suo diritto inviolabile alla difesa garantito proprio dal richiamato art. 24 cost., e che, altresì ne sopporti l'onere economico per le spese e i dovuti compensi al legale di fiducia, si trovi o meno dinanzi ad una ipotesi di denegata giustizia, in spregio dei predetti principi costituzionali di diritto alla tutela giurisdizionale, e tale da costringerlo in futuro a scegliere di pagare l'illegittima sanzione, pur di non dover sostenere ingenti spese di difesa".

Tale domanda, nel caso di specie, è caduta nel vuoto, ma di certo la sua risposta interesserebbe molti cittadini, che si trovano spesso dinanzi al difficile dilemma e che ancora non riescono, per questa come per altre innumerevoli ragioni, a "fare pace" con la giustizia. 

Corte di cassazione testo sentenza numero 128/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(11/01/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
» Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
» Il pignoramento
» Pipì in strada, multa da 10mila euro
» Bonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euro
In evidenza oggi
Bonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euroBonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euro
Controllare il conto degli avvocati viola la CEDUControllare il conto degli avvocati viola la CEDU
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF