Sei in: Home » Articoli

Decreto ingiuntivo: provvisoria esecutività se il debitore non risponde all'invito alla negoziazione assistita

Per il Tribunale di Verona il mancato riscontro è idoneo a integrare l'ipotesi di grave pregiudizio nel ritardo di cui all'art. 642, co. 2, c.p.c.
giudice sentenza martello cassazione
di Valeria Zeppilli – Prima di non rispondere all'invito a concludere una convenzione di negoziazione assistita occorre pensarci bene: la scelta, infatti, non è del tutto priva di rischi.

Ad esempio, poco tempo fa il destinatario di un decreto ingiuntivo, proprio a causa di tale diniego, ha visto scattare la provvisoria esecutività del decreto stesso. Il motivo? Per il tribunale civile di Verona, secondo quanto emerge da un provvedimento del 19 febbraio 2016, far trascorrere tempo senza dare riscontro al predetto invito integra l'ipotesi di grave pregiudizio nel ritardo prevista dall'articolo 642, comma 2, c.p.c..

Con la conseguenza che, in simili ipotesi, per non rendere definitiva l'esecutività non resta altro che presentare opposizione nel termine di quaranta giorni.

È interessante sottolineare che, nel caso di specie, i giudici hanno avuto l'occasione di precisare che la corretta ragione della provvisoria esecutività del decreto va individuata proprio nel suddetto riferimento normativo (ovvero nel comma 2 dell'articolo 642), in base al quale la concessione è meramente facoltativa.

Essa, invece, non può essere rinvenuta (come pretendeva il creditore) nella previsione di cui al comma 1 dell'articolo 642, in base al quale la concessione della provvisoria esecutività è obbligatoria.

L'obbligatorietà, infatti, scatta solo nel caso in cui il ricorso per decreto ingiuntivo è fondato su prove scritte qualificate, tra le quali non può farsi rientrare l'invito (privo di riscontro) a concludere una convenzione di negoziazione assistita.

Vedi anche nella guida di procedura civile:
La negoziazione assistita - (La convenzione - il procedimento - la negoziazione obbligatoria - la negoziazione in materia di separazione e divorzio - il ruolo degli avvocati - I fac-simili)
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(25/02/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Gli elementi del reato
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
» Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
» Divorzio: scacco matto all'assegno per la ex
» Canone Rai: ancora 6 giorni per chiedere l'esenzione
In evidenza oggi
Processo tributario: sentenza sospesa se il debitore non può pagareProcesso tributario: sentenza sospesa se il debitore non può pagare
Condominio: per la revoca dell'amministratore non serve l'avvocatoCondominio: per la revoca dell'amministratore non serve l'avvocato
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo