Più divorzi, giustizia lenta e poco lavoro. Ecco l'Italia fotografata dall'Istat

Come ogni anno pubblicato il report sull'andamento del Paese, che esce dal 2015 un po' malconcio ma più longevo e attento alla cultura
export vino italiano in spagna

di Valeria Zeppilli – Se si guarda al quadro che, come ogni anno, ha recentemente dipinto l'Istat, la nostra cara Italia, nel complesso, non si presenta un granché bene

La giustizia è ancora molto lenta, con quattro milioni e mezzo di cause pendenti nel solo campo civile, e il mercato del lavoro, sebbene in crescita, resta lontano dalla media dell'Europa. Da dietro, infatti, ci guardano solo Croazia e Grecia. 

Senza parlare dell'aumento dei furti e del persistente problema del sovraffollamento delle carceri

Le iscrizioni all'università hanno poi subito un netto calo: complice, probabilmente, la crescente sfiducia nel sistema, solo il 49,7% dei ragazzi decide di proseguire i propri studi una volta conseguita la maturità. 

Non vanno meglio gli affari di cuore, con un aumento dei matrimoni giunti al capolinea

L'Italia non perde, poi, le sue amate tradizioni: si continua a considerare il pranzo un momento "sacro" (per il 67,2% dei cittadini è il pasto principale) e lo si continua a consumare a casa (almeno dal 73,4% della popolazione). 

Va poco lo sport, praticato solo da un italiano su tre

Resta poi altissima e tipica rispetto al resto d'Europa la percentuale di famiglie proprietarie delle abitazioni in cui vivono: ben il 71,2%. Quasi una su cinque, tuttavia, per godere di tale beneficio sta fronteggiando un mutuo. 

Le buone notizie sono che si vive più a lungo, si visitano di più i musei e, dopo diversi anni, non diminuiscono i lettori

Chissà cosa ci riserverà l'anno a venire.


Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(30/12/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Guida legale sull'assegno di mantenimento
» Le 5 domande che un avvocato non dovrebbe mai porre a un testimone
» Atto di querela: il fac-simile aggiornato con guida di approfondimento e note giurisprudenziali
» Carte di credito: occhio alla truffa del codice Cvv
» Ddl crocifisso: fino a mille euro di multa per chi si rifiuta di esporlo

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF