Consiglio di Stato: no alla trascrizione delle nozze gay

Per i giudici, la diversità di sesso dei nubendi è la prima condizione di validità e di efficacia del matrimonio. La battaglia si inasprisce
matrimonio gay omosessuali
di Valeria Zeppilli – Le nozze gay celebrate all'estero non possono essere validamente trascritte in Italia. 

Il Consiglio di Stato, con la sentenza numero 4899 depositata il 26 ottobre 2015 (qui sotto allegata), ha ritenuto che la diversità di sesso dei nubendi è la prima condizione di validità e di efficacia del matrimonio e che di conseguenza, a prescindere dalla catalogazione del vizio che affligge il matrimonio celebrato all'estero, tale atto risulta sprovvisto di un requisito essenziale affinché esso possa produrre effetti giuridici nel nostro ordinamento.

Insomma, con una sentenza che ha già scatenato accese polemiche e dure proteste, i giudici hanno sancito che non importa che lo si qualifichi come nullo o inesistente: il matrimonio omosessuale nel vigente sistema regolatorio non può costituire tra le parti interessate lo status giuridico proprio delle persone coniugate.

Non apparendo configurabile un diritto fondamentale al matrimonio omosessuale né nel diritto convenzionale europeo né in quello internazionale, il divieto dell'ordinamento interno di equiparare tale unione a quella eterosessuale non è confliggente con i vincoli contratti dall'Italia a livello sovranazionale.

Di conseguenza l'interprete non può liberamente giungere ad equiparare il matrimonio tra persone dello stesso sesso a quello tra persone di sesso diverso, anche solo al fine di affermarne la trascrivibilità.

Il Consiglio di Stato, a tal proposito, ha anche chiarito che è del Ministero dell'interno, e quindi dei prefetti, il potere di annullare gli atti dello stato civile, tra i quali la registrazione di nozze tra persone dello stesso sesso celebrate fuori dal territorio della Repubblica.

La battaglia, dunque, si inasprisce.

Consiglio di Stato testo sentenza numero 4899/2015
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
bulletRichiedi una consulenza personalizzatabullet
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(28/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Avvocati: albi online senza segreti
» Condominio: multe fino a 2.500 euro per chi non adegua i termosifoni
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Tribunale degli Animali: gli avvocati a difesa dei "pelosi" dopo il divorzio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF