Sei in: Home » Articoli

Dal 2017 addio al roaming in tutta Europa: telefono e internet costeranno come in Italia

Il Parlamento europeo ha approvato il regolamento “Telecom Single Market”

di Marina Crisafi - Addio ai sovrapprezzi per telefonare, inviare sms e usare internet all'estero. Dal 2017 chi viaggia all'interno degli Stati membri, in Svizzera, Norvegia e Islanda pagherà le stesse tariffe pagate nel proprio paese.

Questo “dono” inaspettato arriva dall'Unione europea grazie all'approvazione da parte del Parlamento Ue del regolamento “Telecom Single Market”.

In cantiere dal 2013, il regolamento prevede, di fatto, la definitiva cancellazione del c.d. “roaming”, in base al quale al di fuori dei confini del proprio Stato gli utenti telefonici sono costretti a pagare esosi sovrapprezzi per poter usare il proprio smartphone (per chiamate, sms e internet), salvo sottoscrivere offerte ad hoc.

Un regalo inaspettato dunque ma molto gradito, visto che secondo un'indagine della Commissione Europea del 2014, il roaming rappresenta un ostacolo all'uso del telefono per il 94% degli europei. Per fortuna, presto, non sarà più così e viaggiare e comunicare in tutta Europa, per turisti e imprenditori, sarà più facile ed economico.

Tuttavia, la cancellazione avverrà a partire dal giugno del 2017, mentre già dal 30 aprile del prossimo anno il regolamento prevede una tappa intermedia: da questa data, infatti, si potrà usufruire di un primo taglio sulle tariffe, pagando al massimo 5 centesimi in più per comunicare da uno Stato membro all'altro e per usare internet (per ogni megabyte di dati scaricati) e max 2 centesimi per gli sms.

Ma il nuovo pacchetto di riforme non è tutto rose e fiori. Vi si annida anche qualche sorpresa negativa.

Il Telecom Single Market, infatti, oltre ad abolire il roaming avrebbe dovuto garantire la c.d. “neutralità” della rete europea, escludendo a priori la possibilità per i provider di discriminare il traffico su internet. Questo, però, a detta degli esperti, è garantito solo sulla carta, mentre in realtà le compagnie telefoniche avranno ampio margine di manovra sul traffico e sui servizi, potendo decidere di creare vere e proprie corsie preferenziali per alcuni dati rallentando invece gli altri.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(28/10/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF