Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati: dall'avvio dell'azione disciplinare il COA ha cinque anni di tempo per irrogare la sanzione

L'esigenza è quella di non protrarre all'infinito il tempo dell'irrogabilità della sanzione
toghe avvocati
di Valeria Zeppilli – Come noto, quando gli avvocati commettono un illecito disciplinare, scattano le pretese punitive del Consiglio dell'ordine forense di appartenenza. Però attenzione: la sanzione va applicata entro cinque anni.

Le pretese punitive, infatti, come affermato dalla Corte di cassazione nella sentenza numero 18077/2015, depositata il 15 settembre (qui sotto allegata), hanno natura di diritto soggettivo potestativo, soggetto a prescrizione, nonostante la natura pubblicistica.

L'articolo 51 del r.d.l. n. 1578/1933, applicabile al caso di specie, prevede, del resto, un termine quinquennale di prescrizione che delimita nel tempo l'inizio dell'azione disciplinare e garantisce anche il rispetto dell'esigenza di non protrarre all'infinito il tempo dell'irrogabilità della sanzione: al procedimento amministrativo di inflizione della sanzione, infatti, non si applica la regola dell'effetto interruttivo permanente della prescrizione sancito dall'articolo 2945 del codice civile, ma l'interruzione ad effetto istantaneo di cui al precedente articolo 2943, con la conseguenza che anche i successivi atti compiuti dal titolare dell'azione disciplinare in pendenza del relativo procedimento hanno idoneità interruttiva.

Alla luce di tali premesse i giudici hanno quindi accolto il ricorso presentato da un avvocato avverso la decisione del consiglio nazionale forense e condiviso le sue pretese di veder riconosciuto l'annullamento del provvedimento disciplinare irrogatogli dal Consiglio dell'ordine di appartenenza.

Dalla sentenza impugnata, infatti, emerge che l'azione disciplinare è iniziata il 12 marzo 2007 e la decisione, nonostante rechi la data del 9 gennaio 2008, è stata notificata solo il 22 ottobre 2012: tra l'inizio del procedimento disciplinare e il deposito della decisione risulta quindi trascorso il termine quinquennale di prescrizione.

Corte di cassazione testo sentenza n. 18077/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF