L'usura bancaria nella giurisprudenza

Esame della rilevanza del ruolo di interprete della Corte di Cassazione attraverso alcune delle più rilevanti pronunce in materia
banca contocorrente estratto conto crisi

di Valeria Zeppilli – L'usura bancaria è punita, nel nostro ordinamento, dall'articolo 644 del codice penale, come riformato dalla legge numero 108 del 1996, che, nel suo complesso, ha completato la disciplina dell'illecito.

Sinteticamente può dirsi che si è di fronte a una fattispecie di usura quando spese, interessi e commissioni chiesti come corrispettivo di una prestazione in denaro rappresentano un costo totale finanziario estremamente esoso, tenuto conto della categoria e dell'entità della prestazione e delle dinamiche finanziarie del mercato.

Nella definizione in concreto dell'usura un ruolo fondamentale è stato assunto dalla giurisprudenza della Corte di cassazione, la quale ha contribuito in maniera rilevante a definire gli effettivi margini di operatività dell'illecito.

L'interesse collettivo al corretto funzionamento dei rapporti di credito

Preliminarmente, è opportuno segnalare che la Corte di cassazione, nel pronunciarsi in via generale sul ruolo dell'usura, ha individuato la prospettiva della tutela apprestata dall'ordinamento nella protezione non solo del singolo, ma anche e soprattutto degli interessi collettivi al corretto funzionamento dei rapporti negoziali inerenti la gestione del credito e la regolare gestione dei mercati (Cass. n. 20148/2003).

Il che contribuisce subito a chiarire come tale fattispecie debba essere affrontata e riguardata con particolare premura, alla luce delle sue spiccate connotazioni di plurioffensività.

L'elemento oggettivo

Spostandoci su un piano più concreto, occorre innanzitutto segnalare che l'opera della giurisprudenza ha assunto una rilevanza particolare per aver contribuito a chiarire l'esatta portata dell'elemento oggettivo della fattispecie di usura.

Ad esempio, di una certa rilevanza è la sentenza n. 5683/2013, con la quale i giudici hanno specificato che ai fini della consumazione del reato in esame rilevano la promessa o la dazione non solo di interessi ma anche di ogni altro vantaggio usurario che comporti un profitto illegittimo, di qualsiasi natura, che le banche ricevono e che per il suo valore, da raffrontarsi con la controprestazione, assume carattere usurario.

Interessante, inoltre, in materia di elemento oggettivo, è la precisazione, contenuta nella sentenza n. 18592/2010, in base alla quale può ben essere vittima di usura anche un imprenditore che chieda prestiti e corrisponda interessi usurari per necessità aziendali e non personali.

La giurisprudenza ha, infine, chiarito che la condotta tipica del reato di usura si configura in assenza di comportamenti intimidatori o minacciosi nei confronti dei soggetti passivi, in ciò distinguendosi dall'estorsione (Cass. n. 2988/2008).

In ogni caso, i due delitti possono ben concorrere quando la violenza e la minaccia siano assenti al momento della stipula del contratto ma intervengano in un momento successivo per ottenere il pagamento dei vantaggi usurari (Cass. n. 5231/2009).

Il superamento del tasso soglia

In materia di superamento del tasso soglia, poi, i giudici hanno stabilito, con una sentenza che ha fatto tanto parlare, che “ai fini dell'applicazione dell'art. 644 c.p., e dell'art. 1815 c.c., co. 2, si intendono usurari gli interessi che superano il limite stabilito dalla legge nel momento in cui essi sono promessi o comunque convenuti, a qualunque titolo, quindi anche a titolo di interessi moratori. Infatti il riferimento, contenuto nel D.L. n. 394 del 2000, art. 1, co. 1, agli interessi a qualunque titolo convenuti rende plausibile - senza necessità di specifica motivazione - tale assunto” (Cass. n. 350/2013).

Elemento soggettivo: l'ignoranza del tasso soglia

In materia di elemento soggettivo, invece, è ad esempio interessante sottolineare che per la Corte di cassazione, secondo quanto stabilito con la sentenza numero 46669 del 2011, l'errore di calcolo dell'ammontare di interessi usurari da parte di un istituto di credito si risolve in un'ipotesi di ignoranza della legge penale non scusabile in linea di principio.

L'interpretazione di tale ammontare, infatti, è nota nell'ambiente bancario, non presenta difficoltà rilevanti ed è oggetto di un dovere particolarmente rigoroso degli organi di vertice di una banca, i quali sono tenuti ad informarsi adeguatamente e diligentemente sulla legislazione in materia e, in caso di dubbio, ad astenersi dalla condotta in virtù della loro posizione di garanzia nei confronti dei clienti.

L'usura in concreto

Particolarmente interessante è, infine, la sentenza n. 18778/2014, con la quale la Corte è intervenuta per la prima volta compiutamente in materia di usura in concreto, enunciando ben cinque principi di diritto.

Si è in sostanza affermato che ai fini dell'integrazione dell'elemento materiale di tale fattispecie occorre che il soggetto passivo si trovi in condizioni di difficoltà economica o finanziaria e che gli interessi, i vantaggi e i compensi pattuiti, risultino sproporzionati rispetto alla prestazione di denaro o altra utilità o all'opera di mediazione, indipendentemente dalla circostanza che gli interessi siano inferiori al tasso soglia usurario fissato dalla legge.

La Corte ha poi sancito che la condizione di difficoltà economica della vittima deve essere individuata in una carenza di liquidità anche solo momentanea, senza che ne sia di ostacolo la sussistenza di una condizione patrimoniale di base nel complesso sana, mentre la condizione di difficoltà finanziaria è quella caratterizzata da una carenza complessiva di beni e risorse che investe, più in generale, l'insieme delle attività patrimoniali del soggetto passivo.

Inoltre, ed è questo il terzo principio affermato, in tema di c.d. usura in concreto le condizioni di difficoltà economica o finanziaria della vittima, che integrano la materialità del reato, vanno tenute distinte dallo stato di bisogno, che ne integra una circostanza aggravante, in quanto rappresentano una situazione meno grave.

I giudici hanno, poi, chiarito, che le condizioni di difficoltà economica o finanziaria della vittima devono essere valorizzate in senso oggettivo e non meramente soggettivo, quindi utilizzando parametri desunti dal mercato e non basandosi sulle valutazioni personali della vittima che, invece, sono opinabili e di difficile verificazione.

Infine, in tema di dolo generico, la sentenza del 2014 ha chiarito che esso, nell'usura in concreto, non comprende solo la volontà di concludere un contratto sinallagmatico con interessi, vantaggi o compensi usurari, ma anche la consapevolezza della condizione di difficoltà economica o finanziaria del soggetto passivo e la sproporzione degli interessi, vantaggi o compensi pattuiti rispetto alla prestazione di denaro o di altra utilità o all'opera di mediazione.

Si tratta, come è evidente, di una sentenza che fa chiarezza circa le possibilità e le modalità con le quali colmare, attraverso l'usura concreta, possibili vuoti di tutela, affidando ai giudici l'arduo compito di mediare tra le pretese degli intermediari e le esigenze di tutela dei clienti.

Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(14/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF