Amici a quattro zampe: a nulla rileva lo stato di benessere carente del canile

Il sequestro della struttura è giustificato solo in presenza di gravi sofferenze
cane animali
di Valeria Zeppilli - Non basta che i nostri amici a quattro zampe siano tenuti in uno stato carente di benessere: affinché un canile possa essere sottoposto a sequestro è necessario che gli animali siano esposti a gravi sofferenze. Questo è quanto stabilito dalla sentenza n. 36377/2015 depositata ieri dalla Corte di Cassazione (qui sotto allegata).

I giudici, infatti, chiariscono che la contravvenzione di cui al secondo comma dell'articolo 727 del codice penale punisce allo stesso modo che l'abbandono di animali solo la condotta di chi li detiene in condizioni incompatibili con la loro natura e produttive di gravi sofferenze.

Per la Corte tale circostanza è ben diversa dallo stato di benessere molto carente accertato dal veterinario della USL e, in assenza di evidenza di gravi sofferenze su nessuno dei 343 cani ospitati nella struttura, la stessa non va sanzionata.

I giudici hanno colto l'occasione per specificare che, con riferimento alle specie animali più note, quali quelle domestiche, la natura rispetto alla quale va accertata l'incompatibilità della detenzione va valutata tenendo conto del patrimonio di comune esperienza e conoscenza, mentre, con riferimento alle altre, essa va giudicata tenendo conto delle acquisizioni delle scienze naturali.

Anche il sovraffollamento va escluso nel caso di specie dato che il canile era autorizzato a ospitare 500 animali e ne ospitava 343.

È evidente che si tratta di una decisione forte, legata a un'interpretazione strettamente letterale della normativa di legge, che darà senza dubbio adito a non poche discussioni.

Corte di cassazione testo sentenza numero 36377/2015
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(10/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF