Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Condominio: che succede se l'amministratore non frequenta i corsi di aggiornamento?

La sua nomina può essere dichiarata nulla anche a richiesta di un solo condomino
condominio casa locazione

Domanda: “Cosa accade se l'amministratore di condominio non ha frequentato i corsi di aggiornamento obbligatori?”

Risposta: L'obbligo per l'amministratore di aggiornarsi professionalmente è previsto dall'art. 71-bis delle disposizioni per l'attuazione del codice civile e dal regolamento attuativo di cui al d.m. n. 140/2014. Esso è necessario al fine di ottenere e mantenere incarichi di gestione.

Nel dettaglio si prevede che ogni anno un amministratore debba svolgere almeno 15 ore di formazione.

Poiché l'entrata in vigore del decreto n. 140 è datata 9 ottobre 2014, si deve ritenere, in sostanza, che entro il 9 ottobre 2015 ogni amministratore dovrà aver partecipato a 15 ore di formazione per poter mantenere i propri incarichi e assumerne di nuovi l'anno successivo (ciò secondo l'interpretazione del termine annuale come coincidente con l'anno solare e non con quello di calendario. Ma la questione è dibattuta).

Venendo agli aspetti sanzionatori, benché nel decreto manchi una specifica disciplina, nel caso in cui l'amministratore di condominio non adempia ai propri obblighi, il rischio è quello che la sua nomina venga considerata nulla: la cessazione non è automatica ma deve essere richiesta, con ricorso all'autorità giudiziaria, da almeno un condomino.

Il riferimento, infatti, va agli articoli 1129 e 1137 c.c.: il primo sanziona il caso dell'amministratore che compie una grave irregolarità, prevedendo in tal caso la sua revoca da parte dell'Autorità Giudiziaria, su richiesta di un solo condomino; il secondo, invece, prevede che contro le deliberazioni contrarie alla legge o al regolamento di condominio, come ad esempio quella che conferma l'amministratore non in regola con la formazione, ogni condomino assente, dissenziente o astenuto può adire l'autorità giudiziaria chiedendone l'annullamento.

Occorre peraltro precisare che per la formazione periodica, al contrario di quanto avviene per quella iniziale, il d.m. 14/2014 non ammette alcuna eccezione.

Suggerisci un nuovo argomento per la rubrica: domande e risposte
Rubrica Domande e Risposte

(25/08/2015 - Domande e Risposte)
Le più lette:
» Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
» Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
» Il pignoramento
» Pipì in strada, multa da 10mila euro
» Bonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euro
In evidenza oggi
Bonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euroBonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euro
Controllare il conto degli avvocati viola la CEDUControllare il conto degli avvocati viola la CEDU
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF