Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Condominio: che succede se l'amministratore non frequenta i corsi di aggiornamento?

La sua nomina può essere dichiarata nulla anche a richiesta di un solo condomino
condominio casa locazione

Domanda: “Cosa accade se l'amministratore di condominio non ha frequentato i corsi di aggiornamento obbligatori?”

Risposta: L'obbligo per l'amministratore di aggiornarsi professionalmente è previsto dall'art. 71-bis delle disposizioni per l'attuazione del codice civile e dal regolamento attuativo di cui al d.m. n. 140/2014. Esso è necessario al fine di ottenere e mantenere incarichi di gestione.

Nel dettaglio si prevede che ogni anno un amministratore debba svolgere almeno 15 ore di formazione.

Poiché l'entrata in vigore del decreto n. 140 è datata 9 ottobre 2014, si deve ritenere, in sostanza, che entro il 9 ottobre 2015 ogni amministratore dovrà aver partecipato a 15 ore di formazione per poter mantenere i propri incarichi e assumerne di nuovi l'anno successivo (ciò secondo l'interpretazione del termine annuale come coincidente con l'anno solare e non con quello di calendario. Ma la questione è dibattuta).

Venendo agli aspetti sanzionatori, benché nel decreto manchi una specifica disciplina, nel caso in cui l'amministratore di condominio non adempia ai propri obblighi, il rischio è quello che la sua nomina venga considerata nulla: la cessazione non è automatica ma deve essere richiesta, con ricorso all'autorità giudiziaria, da almeno un condomino.

Il riferimento, infatti, va agli articoli 1129 e 1137 c.c.: il primo sanziona il caso dell'amministratore che compie una grave irregolarità, prevedendo in tal caso la sua revoca da parte dell'Autorità Giudiziaria, su richiesta di un solo condomino; il secondo, invece, prevede che contro le deliberazioni contrarie alla legge o al regolamento di condominio, come ad esempio quella che conferma l'amministratore non in regola con la formazione, ogni condomino assente, dissenziente o astenuto può adire l'autorità giudiziaria chiedendone l'annullamento.

Occorre peraltro precisare che per la formazione periodica, al contrario di quanto avviene per quella iniziale, il d.m. 14/2014 non ammette alcuna eccezione.

Suggerisci un nuovo argomento per la rubrica: domande e risposte
Rubrica Domande e Risposte

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/08/2015 - Domande e Risposte)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF