Il matrimonio è simulato? Rimane valido se non impugnato entro 12 mesi. Anche se non c'è stata convivenza

Come spiega la Cassazione, se il termine è decorso, a nulla rilevano la mancata convivenza e l'assenza di rapporti
sposa matrimonio nozze unione civile

di Valeria Zeppilli - Una donna orientale ha sposato un uomo italiano solo per ottenere il permesso di soggiorno, ma poi ci ha ripensato e ha chiesto che il suo matrimonio fosse dichiarato simulato.

Del caso si è recentemente occupata la Corte di Cassazione con la sentenza numero 16221 depositata il 31 luglio 2015 (qui sotto allegata).

I matrimoni celebrati per perseguire scopi che aggirano la normativa di legge sono ormai sin troppo diffusi anche nel nostro Paese e, spesso, non è facile per i soggetti coinvolti sostenere le implicazioni che ne derivano.

Nel caso sottoposto all'attenzione della Cassazione, tuttavia, il ripensamento da parte della donna è avvenuto troppo tardi per l'ordinamento, in quanto la domanda per ottenere la declaratoria di simulazione del matrimonio è stata presentata oltre il termine massimo di dodici mesi dalla celebrazione ed è quindi tardiva, nonostante la mancata convivenza e nonostante l'assenza di rapporti.

I giudici, infatti, hanno chiarito che la previsione del predetto termine normativo risponde all'esigenza fondamentale di conciliare l'impugnazione per simulazione del matrimonio con l'esigenza di certezza dei rapporti giuridici inerenti agli status ed è valida in ogni caso.

L'improponibilità dell'azione laddove i coniugi abbiano convissuto come tali dopo la celebrazione del matrimonio, infatti, costituisce solo un'ipotesi alternativa al decorrere del tempo: il che vuol dire che la convivenza esclude assolutamente la proponibilità dell'azione, la quale, in ogni caso, non può mai essere proposta decorso un anno dalla celebrazione.

Ed è per questo che l'assenza di convivenza tra la ricorrente e il coniuge a nulla rileva nel caso di specie.


Vedi allegato
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
bulletRichiedi una consulenza personalizzatabullet
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(02/08/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Avvocati: albi online senza segreti
» Condominio: multe fino a 2.500 euro per chi non adegua i termosifoni
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Tribunale degli Animali: gli avvocati a difesa dei "pelosi" dopo il divorzio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF