Sei in: Home » Articoli

Il matrimonio è simulato? Rimane valido se non impugnato entro 12 mesi. Anche se non c'è stata convivenza

Come spiega la Cassazione, se il termine è decorso, a nulla rilevano la mancata convivenza e l'assenza di rapporti
sposa matrimonio nozze unione civile

di Valeria Zeppilli - Una donna orientale ha sposato un uomo italiano solo per ottenere il permesso di soggiorno, ma poi ci ha ripensato e ha chiesto che il suo matrimonio fosse dichiarato simulato.

Del caso si è recentemente occupata la Corte di Cassazione con la sentenza numero 16221 depositata il 31 luglio 2015 (qui sotto allegata).

I matrimoni celebrati per perseguire scopi che aggirano la normativa di legge sono ormai sin troppo diffusi anche nel nostro Paese e, spesso, non è facile per i soggetti coinvolti sostenere le implicazioni che ne derivano.

Nel caso sottoposto all'attenzione della Cassazione, tuttavia, il ripensamento da parte della donna è avvenuto troppo tardi per l'ordinamento, in quanto la domanda per ottenere la declaratoria di simulazione del matrimonio è stata presentata oltre il termine massimo di dodici mesi dalla celebrazione ed è quindi tardiva, nonostante la mancata convivenza e nonostante l'assenza di rapporti.

I giudici, infatti, hanno chiarito che la previsione del predetto termine normativo risponde all'esigenza fondamentale di conciliare l'impugnazione per simulazione del matrimonio con l'esigenza di certezza dei rapporti giuridici inerenti agli status ed è valida in ogni caso.

L'improponibilità dell'azione laddove i coniugi abbiano convissuto come tali dopo la celebrazione del matrimonio, infatti, costituisce solo un'ipotesi alternativa al decorrere del tempo: il che vuol dire che la convivenza esclude assolutamente la proponibilità dell'azione, la quale, in ogni caso, non può mai essere proposta decorso un anno dalla celebrazione.

Ed è per questo che l'assenza di convivenza tra la ricorrente e il coniuge a nulla rileva nel caso di specie.


Vedi allegato
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/08/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF