Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

L'avvocato radiato dall'albo non può esercitare in Italia neppure come avvocato stabilito

Per la Corte di Cassazione tale condotta costituisce abuso del diritto
toga appesa su libreria
di Valeria Zeppilli - Costituisce abuso del diritto sanzionabile la condotta di un legale che, dopo essere stato cancellato dall'albo degli avvocati in Italia, consegue il titolo in Spagna e pretende di iscriversi nuovamente negli albi italiani, alla sezione degli avvocati stabiliti.

Ammettere la legittimità della condotta del cittadino, del resto, significherebbe permettergli di esercitare la professione di avvocato in condizioni oggettive e soggettive che, in una situazione fisiologica, non permetterebbero ad altro cittadino italiano di esercitare la medesima professione.

A chiarirlo è l'ordinanza numero 15694/2015 della Corte di Cassazione a Sezioni Unite, depositata lo scorso 27 luglio (qui sotto allegata).

Nel caso in esame, secondo i giudici, si va ben oltre il principio della libera mobilità dei professionisti consentita dall'Unione Europea e legittimata espressamente, con specifico riferimento alla professione di avvocato, dalla Corte di Giustizia dell'Unione Europea con la sentenza del 17 luglio 2014 resa nelle cause riunite C-58/13 e C-59/13.

Va quindi confermata l'esecutorietà della revoca dell'iscrizione all'albo avvenuta sulla base del fatto che l'avvocato, poi abogado, non è in possesso del requisito della “condotta irreprensibile” prescritto dall'ordinamento forense.

A fronte della natura abusiva del comportamento dell'abogado, l'istanza di sospensione della decisione del CNF è stata rigettata dalla Corte, prescindendo dalla valutazione della legittimità di un'autonoma verifica da parte del Consiglio dell'ordine circa la sussistenza dei requisiti previsti dalla legge per l'iscrizione all'albo anche con riferimento alla sezione speciale degli avvocati stabiliti.

In ogni caso l'ordinanza è stata emessa in sede cautelare con la conseguenza che bisognerà attendere l'esito del giudizio per scoprire i concreti risvolti della vicenda.

Vedi allegato
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/07/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF