Sei in: Home » Articoli

Cassazione: E' reato il mancato versamento delle trattenute previdenziali anche se il debito è sotto i 10.000 euro

La depenalizzazione non incide sugli illeciti fiscali
Facciata del palazzo della cassazione

di Valeria Zeppilli - Nel 2014 è stata varata la riforma in materia di depenalizzazione che, però, secondo quanto stabilito da una recentissima pronuncia della Corte di Cassazione, non incide sugli illeciti fiscali.

La sentenza numero 32337 del 23 luglio 2015 (qui sotto allegata), infatti, ha chiarito che il mancato versamento delle ritenute previdenziali da parte del datore di lavoro costituisce reato anche se il debito non supera i diecimila euro.

L'articolo 2 della legge n. 67/2014, del resto, si limita a conferire al Governo la delega ad adottare decreti legislativi che riformino la disciplina sanzionatoria dei reati e introducano sanzioni civili e amministrative.

Poiché, però, con riferimento alla fattispecie in parola nessun decreto legislativo è ancora stato emanato, la depenalizzazione non può ritenersi operante.

Infatti, come precisato dalla Corte, la volontà del legislatore è stata quella di limitarsi a conferire al Governo un potere legislativo, regolandone la durata, le modalità con cui va esercitato e il contenuto, ma non certo di depenalizzare direttamente il reato di mancato versamento delle ritenute previdenziali da parte del datore di lavoro, di cui all'articolo 81 cpv. e all'articolo 2 della legge n. 638/1983.

In attesa di un apposito decreto resta dunque punibile l'imprenditore che non versi le ritenute previdenziali, anche se il loro ammontare non sia superiore a diecimila euro.

Vedi allegato
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/07/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF