Sei in: Home » Articoli

Ecco le proposte dell'Isvap per ridurre le tariffe RCauto del 15-18%

traffico auto id9509
Il Presidente dell'Isvap, Giancarlo Giannini, ha presentato alcune proposte per cercare di ridurre le tariffe Rcauto, nell'ordine del 15-18%, attuando alcune semplici norme di buon senso, prendendo atto di come i prezzi delle polizze assicurative siano lievitate a tal punto da divenire un salasso per gli assicurati. Vediamo i punti principali delle proposte dell'Isvap: Ripristino del risarcimento diretto, anche per fugare i dubbi della Corte Costituzionale, del 2008; Normativa omogenea sui risarcimenti per macro-lesioni, quelle cioè permanentemente invalidanti, che subiscono differenziazioni a secondo dei tribunali, anche nell'ordine di 100 mila euro e incidono sui costi per il 60%; Contrasto alle frodi, particolarmente diffuse al Sud, attraverso la dematerializzazione del contrassegno assicurativo, che viene spesso ben contraffatto, provocando danni alle assicurazioni e a terzi, nel caso di incidenti; Abolizione del tacito rinnovo, incentivando così gli assicurati, alla scadenza della polizza, a riconsiderare il proprio rapporto con la compagnia, a informarsi sulle tariffe sul mercato, quindi, stimolando la concorrenza. Secondo Giannini, se tutte queste poche e semplici norme, non tutte necessarie di interventi legislativi, fossero attuate, si potrebbe risparmiare in media il 15-18% sulle tariffe; un buon segnale, in un settore in cui vige una giungla di tariffe e condizioni.
(03/01/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il reato di ricettazione
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pecOpposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF