Sei in: Home » Articoli

Sezioni Unite: anche coloro che versano in condizioni economiche disagiate possono ottenere la sostituzione della pena detentiva in pena pecuniaria.

L'indigenza economica del condannato non deve precludere la sostituzione della pena detentiva con la pena pecuniaria. Così le Sezioni Unite, con la sentenza n. 24476 del 30 giugno 2010 hanno statuito come, secondo quanto previsto all'art. 58 della legge n. 689 del 24 novembre 1981, anche gli indigenti possano ottenere la sostituzione della pene detentiva con la pena pecuniaria. Secondo i Giudici di legittimità deve essere limitato l'ambito della presunzione di inadempimento che si pone alla base della normativa richiamata. Tale presunzione deve essere limitata alle pene sostitutive di quella detentiva che siano accompagnate da prescrizioni come la semidetenzione o la libertà controllata, viceversa non deve trovare applicazione nel caso in cui la pena pecuniaria sia stata comminata senza alcuna particolare prescrizione. Una lettura diversa del dettato legislativo condurrebbe ad una ingiustificata disparità di trattamento basata esclusivamente sulla situazione patrimoniale del condannato.
Il risultato sarebbe quello, continua la Corte di “di precludere in assoluto a una determinata categoria di cittadini l'applicazione di una norma favorevole, mentre la pena pecuniaria, anche se sostitutiva di una pena detentiva, proprio attraverso l'istituto della rateizzazione puo' essere personalizzata e resa piu' aderente al principio di uguaglianza”. La Corte limita così l'ambito di operatività della presunzione nel caso in cui la condanna sia stata inflitta a persona che versi in condizioni economiche disagiate.
(04/07/2010 - Elisa Barsotti)
Le più lette:
» L'accollo
» Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Separazioni e divorzi davanti al sindaco
» Rapporto di lavoro: le dimissioni
In evidenza oggi
Responsabilità medica: la prova del danno spetta al pazienteResponsabilità medica: la prova del danno spetta al paziente
Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figliRischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF