Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il canto della vicina non disturba. Cantare un diritto di espressione della persona

domestica casalinga colf
Liberi di cantare all'interno dei condomini. E quai a chi tenta di zittire un vicino che intona melodie. La Cassazione spiega che "zittire" una persona "mentre da' libero sfogo al canto sul balcone della propria finestra equivale a tenere un comportamento quantomeno inopportuno se non addirittura potenzialmente atto a ledere i diritti della persona, garantita nella manifestazione esteriore come 'singola' pure nella carta costituzionale". Il caso esaminato dalla Corte (sentenza n. 20750/2010) riguarda un 58enne fiorentino che aveva detto alla sua vicina di "farla finita" con le sue canzoni.
Di tutta risposta lei aveva risposto in modo offensivo dicendogli in sostanza di farsi gli affari suoi. La Corte nella sentenza annota che non e' dato sapere quali fossero i gorgheggi n quali fossero le canzoni intonate dalla giovane donna che per abitudine si affacciava alla finestra per intonare canti. Nel giorno della lite il vicino, stufo di sentirla cantare le aveva detto di farla finita. La reazione di lei era stata immediata e d offensiva e cos il caso finiva davanti al giudice di pace con una denuncia per ingiuria. La donna veniva assolta in primo e secondo grado perch si ritenuto che avesse reagito di fronte a un fatto ingiusto. Inutile il tentativo del 58enne di sostenere che nella specie non poteva configurarsi la "causa di non punibilita' della provocazione" dato che lui aveva solo chiesto alla vicina di non disturbare con il proprio canto. La suprema corte dando ragione alla donna ha evidenziato che "il principio e' stato applicato in modo corretto dal giudice del merito" ed osserva che le parole usate dal vicino per tacitare il canto della donna ("falla finita") hanno un "carattere ultimativo e non urbano" diformulare la richiesta.
(05/06/2010 - Roberto Cataldi)
Le pi lette:
» L'accollo
» Gratuito patrocinio: il tribunale non pu pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Separazioni e divorzi davanti al sindaco
» Rapporto di lavoro: le dimissioni
In evidenza oggi
Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figliRischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli
Avvocati: sanzionato chi cerca incarichi col pretesto delle condoglianzeAvvocati: sanzionato chi cerca incarichi col pretesto delle condoglianze

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF