Sei in: Home » Articoli

Cassazione: brogliaccio senza controlli sulla contabilità? Non ha valore

La Sezione Tributaria Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 14014/2009) ha stabilito che non sono non sono sufficienti gli accertamenti fiscali fondati su documenti extracontabili se la Guardia di finanza (o successivamente l'ufficio) non ha effettuato un controllo incrociato fra contabilità dell'azienda e brogliacci. Nel caso di specie la Corte ha osservato che “(…)poiché la controversia è incentrata non sull'esistenza – o meno – di rapporti economici tra essa e la (…), ma sulla loro regolarità fiscale, è evidente che il giudice di appello con l'espressione ‘non provano l'esistenza di rapporti economici tra i soggetti in questione' intendesse che non risultano provati rapporti economici in evasione d'imposta.
Ne consegue che non assume rilievo, ai fini della correttezza della statuizione impugnata, il principio secondo cui, a norma dell'art. 54.2 del d.p.r. n. 633/72, gli uffici possono procedere alla rettifica sulla base di presunzioni gravi, precise e concordanti, tratte da atti e documenti in loro possesso, anche quando si tratti di ‘verbali relativi ad ispezioni eseguite nei confronti di altri contribuenti (…), in quanto il giudice di appello si è pronunziato non già sull'astratta inidoneità dei documenti extracontabili a fondare la rettifica, bensì sulla concreta inidoneità delle risultanze degli stessi a rappresentare presunzioni ‘gravi precise e concordanti'”.
(24/08/2009 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Educazione civica a scuola: al via la raccolta firme
» Benzina: la tassa regionale va eliminata
» Affido materialmente condiviso: una grossa opportunità per i nostri figli
» Basta impedire al padre di vedere il figlio per due giorni per commettere reato
» Pedoni: multe fino a 100 euro per chi sosta in gruppo sui marciapiedi

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss