Sei in: Home » Articoli

Codacons: Tribunale Roma dispone perizie per accertare causalità tra Vioxx e malattie cardiache

Secondo quanto rende noto il Codacons, inizieranno il prossimo 14 maggio le perizie tecniche che verranno effettuate da alcuni medici al fine di valutare il nesso causale tra l'utilizzo del Vioxx, farmaco prodotto dalla Merck Sharp & Dohme e le patologie sviluppate dai soggetti che hanno assunto il medicinale per un certo periodo. Alle perizie, oltre ad un collegio di tre medici nominato dai giudici del Tribunale di Roma, parteciperanno anche i consulenti di parte e le stesse parti che presumibilmente avrebbero subito danni alla salute a causa dell'utilizzo prolungato del Vioxx. Il farmaco, infatti, sarebbe sotto processo per l'alto rischio di infarti, ictus e problemi cardiovascolari (in alcuni casi, il farmaco avrebbe portato alla morte): nel 2004 è stata proprio la stessa casa produttrice a ritirare l'antinfiammatorio dal mercato.
Negli States sono già stati risarciti tutti i soggetti danneggiati dal Vioxx. “Per chi abbia subito danni da Vioxx – dichiara l'associazione, scesa in prima linea nella difesa delle vittime del farmaco - è ancora possibile agire direttamente in Italia rivolgendosi all'associazione che sta seguendo le suddette azioni legali; ma è necessario preliminarmente interrompere la prescrizione del diritto inviando una lettera di formale richiesta risarcimento danni alla casa produttrice del Vioxx, al Ministero della Salute ed all'AIFA entro i cinque anni dal ritiro del farmaco dal mercato ossia entro il 30 settembre 2009!” Per informazioni www.codacons.it.
(16/05/2009 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF