Sei in: Home » Articoli

Cassazione: accertamento con adesione? Fedele alla dichiarazione, anche se sbagliata

La Sezione Tributaria della Corte di Cassazione (Sent. n. 27051/2008) ha stabilito che “ai fini del computo della maggiore imposta dovuta in base all'accertamento con adesione, la salvezza degli effetti del controllo formale presuppone indispensabilmente il rigoroso rispetto dei dati forniti dal contribuente, esulando da esso ogni facoltà valutativa da parte dell'Amministrazione. Ciò posto, l'errore di calcolo, consistente nell'erronea utilizzazione delle regole aritmetiche, così come l'omissione del calcolo, intervenuti nel momento della redazione del documento da parte del contribuente, consentono l'esercizio dell'attività di controllo formale da parte dell'Amministrazione purché resti rigorosamente estraneo ogni elemento valutativo e tale controllo venga effettuato sulla base dei presupposti numerici indicati dal contribuente, senza toccare in alcun modo la sostanza delle sue dichiarazioni”.
(27/11/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardarioAddio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF