Sei in: Home » Articoli

Cassazione: profitti per le onlus? Si, ma senza divisione degli utili

Le Sezioni Unite Civili della Corte di Cassazione (Sent. n. 24883/2008) hanno stabilito che la produzione di profitto da parte delle onlus non è incompatibile con la loro natura ma ciò a condizione che gli utili conseguiti non vengano distribuiti. La Corte ha infatti osservato che "come si evince dalle lett. d) ed e) dell'art. 10, comma 1, del d.lgs. 460/1997, la realizzazione di utili non esclude il fine solidaristico dell'attività; per la realizzazione di attività istituzionali connesse […] o che, comunque, non vengano distribuiti […]".
Pertanto, la Corte ha precisato che "in mancanza della prova di un indebito utilizzo degli utili, il solo perseguimento di questi non è sufficiente a determinare la perdita dello status di Onlus".
(15/10/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Avvocati matrimonialisti, boom di matrimoni tra over70 e badanti
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss