Sei in: Home » Articoli

Atti di "nonnismo" militare: il consenso di chi subisce non Ŕ una scriminante

La Prima Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sentenza n. 23599/02) ha stabilito che nel caso di episodi di "nonnismo" militare, il consenso dell'avente diritto non costituisce una scriminante. Difatti, precisa la Corte, anche se il soggetto passivo ha accettato di sottoporsi a prove di iniziazione, la manifestazione di volontÓ non pu˛ ritenersi libera da condizionamenti considerata la forzata convivenza e il cliema di intimidazione creato dai militari pi¨ anziani.
(30/11/2002 - Avv.Francesca Romanelli)
In evidenza oggi:
» Migranti: dire "andate via" Ŕ discriminazione razziale
» Assegno di mantenimento: detrae solo chi versa
» Il procedimento penale davanti al giudice di pace
» Guida legale sulla responsabilitÓ disciplinare dei magistrati
» La responsabilitÓ penale dei magistrati

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss