Sei in: Home » Articoli

Cassazione: natura del provvedimento che riconosce il diritto di visita dei nonni verso i nipoti

Condividi
Seguici

Non è impugnabile con il ricorso per cassazione a norma dell'art. 111 della Costituzione il decreto, reso in sede di reclamo dalla Corte di Appello, che conferma le modalità di esercizio del diritto di visita dei nonni materni verso i nipoti stabilite dai primi giudici che, nel caso di specie, avevano incaricato i servizi sociali di attivarsi nel modo ritenuto via via più opportuno al fine di stemperare la conflittualità esistente tra i nonni e i genitori, non separati, "consentendo così, ai nipoti di usufruire anche di un buon rapporto con i nonni, che è cosa importante per il loro equilibrio (…)". E' questo il principio espresso in una recente pronuncia dei giudici di legittimità (Sent. n. 24423/07) che, nel dichiarare inammissibile il ricorso promosso da due genitori non separati avverso tale provvedimento, hanno motivato la propria decisione sul fatto che lo stesso è "privo dei requisiti della decisorietà, (intesa come risoluzione di una controversia su diritti soggettivi o status) e della definitività (intesa come mancanza di rimedi diversi e nell'attitudine del provvedimento a pregiudicare con l'efficacia propria del giudicato, quei diritti e quegli status), essendo revocabile in ogni tempo per motivi originari o sopravvenuti ed avendo la funzione non di decidere una lite tra soggetti - i nonni, da una parte, e i genitori, dall'altra -, ma di controllare e governare gli interessi dei minori, essendo dettato a tutela e protezione di tali interessi e ponendosi, quindi, in funzione gestoria di essi".
(16/12/2007 - Avv.Francesca Romanelli)
In evidenza oggi:
» Abolire l'ora di religione e sostituirla con educazione civica
» È possibile registrare di nascosto i colleghi di lavoro?
» Quattordicesima 2019, quando arriva e a quanto ammonta
» Minaccia aggravata per chi insulta l'amministratore di condominio
» Bollette luce e gas: le novità da luglio

Newsletter f t in Rss