Il Consiglio dei Ministri (seduta dello scorso 5 aprile) ha approvato un disegno di legge per l'accelerazione e la razionalizzazione del processo penale nonché per una più incisiva tutela dei diritti sostanziali.
Il provvedimento si pone l'obiettivo di coniugare efficienza del processo e garanzie dell'imputato, operando sui vari istituti processuali in modo da distribuire il costo del recupero della celerità sui vari attori: polizia giudiziaria, pubblico ministero, difensore e imputato. Tra le modifiche introdotte evidenziamo la nuova fisionomia del regime delle eccezioni di incompetenza, la completa rivisitazione dei tempi di prescrizione del reato e degli istituti della recidiva e del calcolo delle circostanze (il sistema della legge ''ex Cirielli''), l'eliminazione del processo in contumacia.
Del tutto nuovo è poi l'introduzione dell'istituto della messa in prova dell'imputato con sospensione del processo che viene previsto per i reati medio - piccoli per i quali è comminata la sola pena pecuniaria o una pena non superiore a tre anni.
Condividi
Feedback

(13/04/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Sospeso l'avvocato che riceve e ascolta il minore senza avvisare il genitore
» Coronavirus: in vigore le nuove sanzioni