Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Cassazione: trasportato non indossa cinture di sicurezza? Non basta la prova del referto del Pronto Soccorso

La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 4954/2007) ha stabilito che non si può dedurre che un trasportato, al momento del sinistro, non indossava le cinture di sicurezza, dal solo referto ospedaliero e che, per provare tale circostanza, "occorrono elementi diretti di prova e una specifica indagine istruttoria, essenzialmente di ordine tecnico (sulla cinematica dell'incidente e sull'accertamento sul mezzo dell'uso delle cinture)". Nel caso di specie, i Giudici hanno osservato che "il referto, di pronto soccorso, non era funzionalmente e scientificamente diretto alla verifica della compatibilità delle lesioni mortali con l'utilizzo o meno delle cinture di sicurezza, e dunque poteva costituire un indizio, non univoco, da consolidare attraverso la indicazione di ulteriori elementi di prova, che invece sono favorevoli alla vittima, posto che gli unici tecnici intervenuti sul teatro dell'incidente, ispezionata la macchina, non hanno rilevato il mancato utilizzo delle cinture, che avrebbero dovuto risultare integre anche nel meccanismo di arresto dopo il violentissimo urto per la uscita dell'auto fuori strada e per l'impatto contro un muro".
Leggi la motivazione della sentenza
(15/03/2007 - Avv.Cristina Matricardi)

In evidenza oggi:
» Cassazione: bigenitorialità non vuol dire tempi uguali coi figli
» L'avvocato diventa sempre più "fashion"
» Addio a WhatsApp e Telegram, arriva Dostupno
» ResponsabilitÓ medica: la Cassazione sminuisce le linee-guida
» Ddl concretezza: tutte le misure approvate
Newsletter f g+ t in Rss