Sei in: Home » Articoli

Ricerca universitaria, salute e beni culturali: previste misure urgenti per la ricerca

Condividi
Seguici

Il Consiglio dei Ministri (seduta dello scorso 2 dicembre) ha approvato il provvedimento che contiene urgenti disposizioni per l'adozione di misure in materia di università, di ricerca, beni culturali e salute. In particolare, nel provvedimento, vengono stanziati 32 milioni di euro, per l'attivazione di assegni biennali di ricerca nelle università, che consentiranno di immettere circa 2000 giovani ricercatori in programmi di ricerca nei settori strategici per il Paese. È consentita la partecipazione agli esami di Stato - per l'iscrizione all'albo dei dottori agronomi e forestali -, dei laureati in "Scienze e tecnologie zootecniche e delle produzioni animali", nonché dei laureati in "Scienze e tecnologie alimentari" per l'esercizio della professione di tecnologo alimentare.
Si garantisce alle persone affette da sindrome da talidomide l'esenzione della spesa sanitaria per ogni prestazione correlata a tale sindrome. È previsto un indennizzo per le persone affette da emofilia danneggiate da somministrazione di emoderivati. È consentita la rinegoziazione dei mutui della Cassa depositi e prestiti, per ridurre il valore finanziario delle esposizioni e l'effettiva spesa globale per interessi, prevista nel bilancio dello Stato. Il provvedimento dispone, infine, la conferma delle "Deputazioni e società di storia patria".
(05/01/2006 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Cassazione: figlia affidata al padre se la mamma è troppo permissiva
» Il diritto come sentimento: aperitivo culturale a Roma

Newsletter f t in Rss