Sei in: Home » Articoli

Il divieto di 'reformatio in peius' riguarda tutti gli elementi del calcolo della pena

Le Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione (Sentenza n. 40910/2005) hanno stabilito "che il divieto di 'reformatio in peius' investe anche i singoli elementi che compongono la pena complessiva e riguardi non solo il risultato finale di essa, ma tutti gli elementi del calcolo relativo". I Giudici hanno precisato che la disposizione contenuta nel quarto comma dell'art. 597 c.p.p. individua "come elementi autonomi, pur nellÂ’ambito della pena complessiva, sia gli aumenti o le diminuzioni apportati alla pena base per le circostanze, sia lÂ’aumento conseguente al riconoscimento del vincolo della continuazione". Lo hanno stabilito le Sezioni Unite penali, con la sentenza n. 40910 del 27 settembre 2005, precisando che quando in appello viene esclusa, su impugnazione del solo imputato, la circostanza aggravante applicata in sentenza, il giudice, anche se irroghi una pena inferiore a quella comminata in precedenza, non può assumere, come pena base, una pena di entità maggiore di quella determinata in primo grado.
Leggi la motivazione della sentenza
(13/12/2005 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Reato per la madre che non fa vedere i figli al padre
» Anas cerca avvocati penalisti
» La sospensione condizionale della pena
» Anas cerca avvocati penalisti
» Successioni: dal 1° gennaio 2019 solo online

Newsletter f g+ t in Rss