Sei in: Home » Articoli

Falsità materiale della fotocopia: solo se trae in inganno i terzi

La Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n. 35165/2005) ha stabilito che "la fotocopia integra il reato di falsità materiale quando sia presentata non come tale, ma con l'apparenza di un documento originale, atto a trarre in inganno i terzi di buona fede". I Giudici di Piazza Cavour hanno ricordato che, al contrario, il reato non sussiste quando la fotocopia "sia presentata come tale, dal momento che essa produce effetti giuridici solo se autenticata o non espressamente disconosciuta".
Leggi la motivazione della sentenza
(28/11/2005 - Avv.Cristina Matricardi)

In evidenza oggi:
» L'Agenzia delle entrate-riscossione cerca avvocati
» Il tempo necessario ad indossare gli indumenti da lavoro deve essere retribuito
» Le pensioni di invaliditŕ
» Le case all'asta rimarranno nel possesso del debitore fino alla vendita
» Le Sezioni Unite sugli interessi dei buoni fruttiferi postali
Newsletter f t in Rss