Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Stop agli 'strizzacervelli' improvvisati

Condividi
Seguici

Giro di vite della Cassazione nei confronti degli psicologi improvvisati. Anche se le 'sedute' servono per ''individuare la radice psicologica delle patologie' da cui sono affetti i clienti, agli psicoterapeuti non medici ''e' assolutamente vietato ogni intervento di competenza esclusiva della professione medica''. A mettere un freno al dilagare di 'strizzacervelli' improvvisati, e' la Sesta sezione penale della Suprema Corte (sentenza 17702) che ha reso definitiva la condanna a nove mesi di reclusione e a 500 euro di multa inflitta a Giancarlo B., un pranoterapeuta milanese che era solito curare i propri pazienti da vari malesseri, facendo loro prima ''domande relative alla vita personale e familiare'' per ''individuare i problemi alla base delle patologie''. Un comportamento 'non inconsueto' tra gli psicoterapeuti non medici che pero' la Cassazione ha censurato.
Fissando i paletti per l'esercizio della professione di psicologo, piazza Cavour sancisce che ''il giudice deve valutare se l'atto sia comunque espressione di quella competenza o di quel patrimonio di conoscenze che il legislatore ha inteso tutelare attraverso l'individuazione della professione protetta, verificando con rigore se le modalita' di esercizio rivelino all'esterno i caratteri tipici di quell'ordinamento professionale''. Questo perche', scrive ancora la Suprema Corte, si deve ''evitare che determinate attivita', particolarmente delicate e socialmente molto rilevanti, siano lasciate al libero esercizio di chiunque ne abbia voglia''.
(23/07/2004 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Danno biologico: aggiornate le tabelle del Tribunale di Roma
» Violenza donne: Codice Rosso è legge
» Il patto commissorio - guida legale
» Mantenimento: niente reato per il padre che riduce da sť l'assegno al figlio
» La Famiglia nel Diritto: 3 Crediti Formativi per avvocati

Newsletter f t in Rss