In attesa del voto in aula sul Jobs Act, i lavori della commissione Bilancio della Camera continuano alacremente e nel rispetto dei tempi stabiliti
soldi euro
In attesa del voto in aula sul Jobs Act, i lavori della commissione Bilancio della Camera continuano alacremente e nel rispetto dei tempi stabiliti. 
Tra i numerosi emendamenti alla Legge di Stabilità 2015, alcuni di essi riguardano lo stato sociale e gli aiuti alle fasce di popolazione più svantaggiate. 

Così un emendamento prevede la riconferma, anche per i cittadini extracomunitari, della cosiddetta social card, cioè della carta acquisti del valore di 40 euro mensili erogata agli anziani di età pari o superiore ai 65 anni e ai bambini di età inferiore ai tre anni in possesso di redditi bassi e di altri particolari requisiti. 

La mancata approvazione dell'emendamento, si legge nella relazione tecnica, comporterebbe il recupero dei contributi già erogati nei primi tre mesi del 2014 e non permetterebbe di pagare a Poste Italiane i compensi previsti per il servizio comunque prestato per assicurare la continuità del programma. 

Il finanziamento per l'Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza viene aumentato a 650 mila euro all'anno fino al 2017, mentre il fondo per la non autosufficienza viene incrementato da 250 a 400 milioni di euro dopo le voci critiche che erano state sollevate dal Comitato 16 novembre onlus. Infine, a seguito delle calamità naturali delle ultime settimane, sono in arrivo 60 milioni aggiuntivi per l'anno 2015 destinati al fondo emergenze nazionali.
Condividi
Feedback

(20/11/2014 - G.C.)
In evidenza oggi:
» Pochi spiccioli di reddito di cittadinanza? Niente bonus coronavirus!
» Coronavirus: proroga misure fino al 13 aprile