Sei in: Home » Articoli

Guida in stato di ebbrezza: L'assunzione di farmaci non esclude il reato

auto guida traffico autovelox multe
di Luigi Del Giudice - La Corte di appello di Firenze, con sentenza del 20.04.2012, dichiarava B.G. colpevole del reato di cui all'articolo 186 commi 2 lett.c) e 2 bis del codice della strada (guida in stato di ebbrezza con tasso alcolemico oltre 1,5 g/l provocando incidente stradale) , riformando però la sentenza emessa nel giudizio di primo grado, concedendo le attenuanti generiche, rideterminando la pena nella misura di mesi uno e giorni dieci di arresto ed Euro 1.146,00 di ammenda, e sostituendo la pena detentiva con la corrispondente pena pecuniaria pari ad Euro 1.520,00 di ammenda, con la sospensione condizionale della pena e la non menzione della condanna nel certificato penale; confermava nel resto.
Avverso tale sentenza B.G. personalmente proponeva ricorso per Cassazione chiedendone l'annullamento per svariati motivi tra cui la mancata assunzione di una prova decisiva richiesta dalla difesa dell'imputato. Sosteneva sul punto il ricorrente che egli aveva richiesto l'espletamento di una perizia al fine di accertare l'idoneità dei farmaci da lui assunti ad alterare i valori del tasso alcolemico in misura superiore a 0,5 g/l.
In merito a ciò la Suprema Corte di Cassazione con sentenza del 3 aprile del 2013, n. 15562 ha precisato che l'espletamento di una perizia diretta ad accertare l'idoneità dei farmaci assunti dal B. ad alterare i valori del tasso alcol emico in misura superiore a 0,5 g/l non è indispensabile ai fini del decidere, atteso che comunque il ricorrente, che conosceva gli effetti dei farmaci che assumeva, mai avrebbe dovuto porsi alla guida di un'autovettura.
Una sentenza che ricalca fedelmente quella del 29 settembre 2011, n. 38793. Anche in questo caso, la Corte ha sostenuto che ai fini della configurabilità della contravvenzione di cui all'articolo 186 del codice della strada, non può rilevare, per escludere il reato, la prospettata circostanza che l'assunzione di determinati farmaci possa avere aumentato i dati di concentrazione dell'alcool nel sangue, perché, in ogni caso, chi sa di assumere farmaci di tal genere deve astenersi dall'ingestione di alcool e specialmente deve evitare di mettersi alla guida.
Luigi DelGiudice
www.polizialocaleweb.com
(06/05/2013 - Luigi Del Giudice)
Le più lette:
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Pensioni: Ape volontaria, pronte le convenzioni
» Diritto di recesso: cos'è e come si esercita
In evidenza oggi
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione
Autovelox: addio multa sul rettilineo senza l'altAutovelox: addio multa sul rettilineo senza l'alt

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF