Sei in: Home » Articoli

Corte Europea: riconoscimento europeo della laurea in legge

La Corte di Giustizia Europea, ha stabilito che l'aver conseguito una laurea in legge in uno dei paesi dell'Ue, anche se diverso dall'Italia, da diritto all'iscrizione nel registro dei praticanti avvocati anche nel nostro Paese. La Corte ha evidenziato come le AutoritÓ Italiane non possono rifiutare la richiesta di iscrizione se non prima di aver comparato i diplomi, tenendo conto delle differenze esistenti tra gli ordinamenti giuridici nazionali e senza, eventualmente, aver richiesto, all'interessato, di dimostrare di aver maturato le conoscenze mancanti.
In caso contrario verrebbe ostacolata la libertÓ di stabilimento e di circolazione. Con questa motivazione la Corte ha accolto il ricorso presentato da una cittadina francese che si era vista rifiutare l'iscrizione al registro dei praticanti nonostante la laurea in legge conseguita in Francia e un periodo di tirocinio presso lo studio di un avvocato italiano.
(24/11/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
Le pi¨ lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito Ŕ miliardarioAddio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito Ŕ miliardario

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF