Sei in: Home » Articoli

Cassazione: va processato Tossicodipendente che commette reato anche se era in crisi di astinenza

Anche se in crisi di astinenza, il tossicodipendente che commette un reato può essere processato. È con una recente sentenza che la Cassazione ha enunciato questo principio di diritto. Secondo i giudici della Suprema Corte, lo stato di agitazione in cui si trova il tossicodipendente che riduce la dose abituale realizza una mera condizione di stato emotivo e non passionale. Tale stato non inciderebbe sugli ambiti dell'intendere e volere, la cui incidenza, al contrario risulta necessaria affinchè il soggetto agente possa non essere ritenuto responsabile del reato contestatogli.
La Corte ha poi aggiunto che tale situazione può solo incidere nell'ambito del trattamento sanzionatorio. La sesta sezione penale ha dunque bocciato il ricorso presentato dalla difesa di un tossicodipendente, condannato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali in preda ad una crisi di astinenza.
Altre informazioni sulla sentenza
(13/05/2011 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» Affido condiviso: sì a diritto di visita rigido per tutelare i figli
» Reato di invasione di edifici: in arrivo multe fino a 2mila euro
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso

Newsletter f g+ t in Rss